Malattia dipendenti pubblici: decurtazione e incidenza su TFR e pensione

-
11/08/2019

Indennità di malattia e decurtazione di 10 giorni per i dipendenti pubblici, quanto influisce sul TFR e la pensione? Analizziamo cosa prevede la normativa.

Malattia dipendenti pubblici: decurtazione e incidenza su TFR e pensione

Malattia dipendenti pubblici e decurtazione dei primi 10 giorni di malattia senza nessuna distinzione, la norma viene applicata anche ai dipendenti a cui è stata riconosciuta l’invalidità e handicap grave ai sensi della Legge 104 art. 3 comma 3. Abbiamo trattato il calcolo della decurtazione sulla paga dei dipendenti pubblici in quest’articolo: Malattia dipendenti pubblici: riduzione della paga di 10 giorni anche con legge 104

Analizziamo adesso l’incidenza delle assenze per malattia e la decurtazione opera sul TFR e sulla pensione.

Malattia: incidenza su pensione e T.F.R.

A precisare l’incidenza della decurtazione operata nei primi 10 giorni di malattia dei dipendenti pubblici  è l’INPDAP, con la Circolare n. 13 del 28 maggio 2009. Nella circolare viene precisato che la decurtazione della retribuzione durante i primi 10 giorni di malattia, prevista dall’articolo 71 del D.L. n. 112/2008, non produce effetti né sull’importo della pensione né sul trattamento di fine rapporto (TFR o TFS).

Calcolo in base alla retribuzione virtuale

Inoltre, gli articoli  24 e 50 del RDL n. 680/1938, per gli iscritti alla Casse pensioni degli ex Istituti di previdenza (CPDEL; CPS; CPI; CPUG), sia gli articoli 68 del DPR n. 3/1957 e 13 della legge n. 177/1976, precisano che per i dipendenti dello Stato, nel caso di retribuzione ridotta per malattia, la contribuzione viene determinata con riferimento alla retribuzione virtuale intera che il lavoratore avrebbe percepito se fosse stato assente se non ci fosse stata la decurtazione. 


Leggi anche: Cashback 2021: come funziona il rimborso massimo e la classifica dell’App IO per il premio extra da 1500 euro

Inoltre, non subisce nessuna riduzione neanche la contribuzione dovuta a favore dellaG estione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali e la contribuzione per il trattamento di fine servizio o TFR.

Quindi, anche in questi casi , si tiene conto della retribuzione virtuale che sarebbe settata se non ci fosse stata la decurtazione. 

Fonte: Superabile