Malattia dipendenti pubblici: riduzione della paga di 10 giorni anche con legge 104

-
10/08/2019

Indennità di malattia con decurtazione dei primi 10 giorni per i dipendenti pubblici anche se in possesso della legge 104 art. 3 comma 3.

Malattia dipendenti pubblici: riduzione della paga di 10 giorni anche con legge 104

Ai dipendenti pubblici in malattia si applica la riduzione della paga nei primi dieci giorni di assenza, anche se riconosciuti invalidi e/o persone in situazione di handicap. La malattia per i dipendenti pubblici ha regole ben diverse ai dipendenti privati. I dipendenti pubblici anche se in possesso della legge 104 per invalidità, si applica la riduzione del trattamento economico nei primi giorni di assenza per malattia (Decreto Brunetta legge n. 112/2008).

Malattia: in cosa consiste la riduzione della paga nei primi 10 giorni

Secondo il Decreto-legge n. 112/2008 articolo 71 entrato in vigore il 25 giugno 2008, prevede che i dipendenti pubblici che si assentono per malattia, di qualunque durata, nei primi dieci giorni di assenza è corrisposto il trattamento economico fondamentale con esclusione di ogni indennità o emolumento, e ogni trattamento accessorio.

Il decreto-legge prevede che questa disposizione non si applichi al comparto sicurezza e difesa per le malattie conseguenti a lesioni riportate in attività operative ed addestrative.

Con il decreto-legge n. 78/2009 vengono esclusi dalla decurtazione anche il personale dei Vigili del Fuoco. La normativa recita: “A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto, limitatamente alle assenze per malattia di cui al comma 1 del personale del comparto sicurezza e difesa nonché del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, gli emolumenti di carattere continuativo correlati allo specifico status e alle peculiari condizioni di impiego di tale personale sono equiparati al trattamento economico fondamentale”.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Visita fiscale: esonero fasce di reperibilità la malattia rientra nel comporto?

Decurtazione anche per i lavoratori con legge 104

La normativa non differenzia i lavoratori disabili, pertanto anche i lavoratori in possesso del riconoscimento di invalidità e/o di handicap grave in base alla legge 104 art. 3 comma 3, sono soggetti alle stesse penalizzazioni. Restano comunque le tutele del trattamento favorevole previsti nei contratti collettivi.

La decurtazione della malattia è permanente

Il Dipartimento della Funzione Pubblica con la circolare n. 8/2008, ha precisato che la decurtazione è permanente, nel senso che viene operata sempre anche per un solo giorno di malattia e per un massimo di dieci giorni anche se l’assenza per malattia si protrae per più di 10 giorni