Maternità e accredito figurativo dei contributi, le novità Inps

Accredito figurativo dei contributi nel periodo di maternità, arrivano importanti chiarimenti dall’Inps: ecco di cosa si tratta.

Accredito figurativo dei contributi nel periodo di maternità, arrivano importanti chiarimenti dall’Inps. L’ente ha ha previsto la possibilità di beneficiare di un accredito figurativo, pari a 5 mesi e un giorno per figlio nato, per i periodi corrispondenti al congedo di maternità verificatisi al di fuori del rapporto di lavoro. In questo modo è possibile aumentare l’anzianità contributiva e il trattamento pensionistico.

Maternità: possibilità di coprire i periodi prima del 31 dicembre 1995

Tuttavia, questa opzione consente di coprire anche periodi prima del 31.12.1995, con la conseguenza di vantare anzianità contributiva che consenta la disapplicazione del massimale contributivo puro e di non poter rinunciare a tale accredito. Per questo motivo, è stato presentato un quesito all’Istituto, che ha precisato che non esistono motivi ostativi a un riconoscimento parziale o a una rinuncia parziale del
periodo accreditato figurativamente, qualora il lavoratore ne faccia esplicita richiesta.

Fonte: IlSole24ore

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”