Micro generatori: detrazione del 65% in sostituzione di impianti esistenti

-
26/01/2019

I micro generatori se in sostituzione di impianti già esistenti, hanno diritto alla detrazione del 65% per ecobonus, chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Micro generatori: detrazione del 65% in sostituzione di impianti esistenti

Micro generatori detrazione del 65% per ecobonus, in sostituzione di impianti esistenti. A chiarirlo gli esperti dell’Agenzia delle Entrate. Entrano nella detrazione del 65% per ecobonus, per lìacquisto e posa in opera di micro-cogeneratori, solo se sostituiscono impianti esistenti, per un valore massimo di 100.000 euro, la detrazione spetta anche sulle spese sostenuta dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019.  La detrazione si ottiene quando gli interventi conducono ad un risparmio di energia primaria (Pes) pari ad almeno al 20%.

L’ecobus prorogato per il 2019 ha i seguenti limiti di spesa:

  • interventi di riqualificazione energetica un tetto di 100.000 euro;
  • interventi sull’invouco dell’edificio un tetto di circa 60.000 euro:
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, istallazzione di impianti dotati di caldaie a condensazione, pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia, per un tetto di circa 30.000 euro;
  • istallazione di pannelli solari per un tetto di 60.000 euro.

Comunicazione Enea per interventi effettuati nel 2018

 Enea, con una nota sul proprio sito, ha chiarito che è stato creato un sito dedicato alla trasmissione dei dati delle ristrutturazioni edilizie, attualmente in fase di test. Decorsi 90 giorni dall’attivazione del portale, i contribuenti che hanno effettuato interventi nel corso del 2018 dovrà fare la propria comunicazione.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Ecobonus ondetrazione del 65% comunicazione Enea

È possibile trasmettere i dati relativi agli interventi di efficienza energetica ammessi alle detrazioni fiscali (dal 50% all’85%) e conclusi dopo il 31 dicembre 2017 dal portale finanziaria2018.enea.it.

Per aiutare gli utenti a risolvere i problemi di natura tecnica e procedurale sul portale curato dei tecnici ENEA acs.enea.it sono disponibili un vademecum, risposte alle domande più frequenti (FAQ), la normativa di riferimento e un servizio di help desk a cui inviare i propri quesiti.

Si ricorda che le detrazioni fiscali sono un meccanismo di incentivazione alla realizzazione di interventi di riqualificazione energetica previsti dalla legge 296/2006 (commi da 344 a 347) e dall’art. 14 del D.L. 63/2013 come convertito dalla legge n. 90/2013 e come modificato dalla legge 27 dicembre 2017 n. 205.

Asseverazione

A seguito di imprecise notizie di stampa apparse in questi ultimi giorni relative alla pubblicazione del portale “Finanziaria 2018” per l’invio delle pratiche per la richiesta degli incentivi fiscali per interventi di efficientamento energetico terminati nel 2018, si precisa che la “Scheda descrittiva dell’intervento” da inviare all’ENEA, va firmata da un tecnico abilitato solo nei casi in cui è prevista l’asseverazione.

Il documento originale cartaceo, quando è prevista l’asseverazione del tecnicodeve riportare la firma ed il timbro del tecnico compilatore e deve essere consegnato al beneficiario per essere esibito a richiesta.”

Ristrutturazione edilizia senza comunicazione al Comune, tutte le novità 2018