Modello 730/2020: tutte le novità e i vantaggi

-
21/03/2020

Novità nel modello 730/2020 per le famiglie con figli a carico, l’istruzione, i risanamenti ambientali, il bonus sport e altro ancora. Invariate le scadenze

Modello 730/2020: tutte le novità e i vantaggi

Il modello 730/2020 è stato ufficialmente pubblicato dall’Agenzia delle Entrate lo scorso gennaio, con importanti novità che renderanno il pagamento delle tasse meno doloroso. Con questo modello infatti, i lavoratori dipendenti e i pensionati in possesso di particolari requisiti presentano la loro dichiarazione dei redditi con una serie di vantaggi e in maniera abbastanza semplice. Le novità introdotte quest’anno sono molte e favoriscono, tra le altre cose, le famiglie con figli a carico, l’istruzione e le iniziative green: dei passi avanti decisamente nella giusta direzione.

Modello 730/2020: perché conviene?

Come accennavamo, la compilazione del Modello 730 è semplice in quanto non vanno effettuati calcoli e il modulo può essere scaricato dal sito dell’Agenzia delle Entrate anche in forma pre-compilata. 

Il rimborso delle imposte si ottiene direttamente nella propria busta paga a partire da luglio o nella rata pensione per i pensionati da agosto o settembre. Anche nel caso in cui vadano fatti dei versamenti, questi vengono semplicemente trattenuti dalla retribuzione o dalla pensione con le stesse tempistiche appena menzionate.

Modello 730/2020: ecco cosa cambia

Tra le novità più green del 2020 riguardo al modello 730 c’è l’abbandono del cartaceo, in quanto le istruzioni e il modello saranno disponibili solo online. Inoltre, tutti coloro che vorranno operare interventi di bonifica ambientale, come ad esempio rimuovendo l’amianto da edifici, ristrutturando aree verdi o zone colpite da dissesto idrogeologico, potranno beneficiare di un credito d’imposta pari al 65% della spesa effettuata. Tale credito è uno sconto sulle tasse da pagare riconosciuto nei limiti del 20% del reddito imponibile, ed è suddiviso in tre quote annuali uguali. 


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Per favorire l’acquisto di veicoli elettrici, tutti coloro che installeranno nei loro condomini, o nelle loro abitazioni, delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche, vedranno detratto il 50% delle spese per un massimo di 3.000 euro lordi. Questa detrazione sarà valida per tutte le spese di questo genere sostenute tra il 1° marzo 2019 e il 31 dicembre 2021 e l’importo risparmiato sarà ripartito in tre quote annuali uguali. 

Ulteriori detrazioni spettano poi agli appartenenti alle Forze di polizia e alle Forze armate: i dipendenti con un reddito complessivo che non sia mai stato superiore ai 28.000 euro, hanno diritto a una riduzione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali.

Inoltre, sono previste detrazioni del 50% sulle spese per il riscatto degli anni non coperti da contribuzione, ripartite in 5 quote annuali con uguale importo.

Chi effettua, invece, delle donazioni liberali verso enti gestori o proprietari di impianti sportivi pubblici, può beneficiare di un credito d’imposta pari al 65% per un massimo del 20% del proprio reddito imponibile, suddiviso in 3 quote annuali uguali.

Una novità che piacerà sicuramente a molte famiglie riguarda il limite di reddito complessivo dei figli per essere considerati a carico, fino ai 24 anni d’età, che viene elevato a 4000 euro: più di 1.000 euro in più rispetto allo scorso anno.

Aumenta anche il limite massimo delle detrazioni per le spese d’istruzione, pari a 800 euro.

Dal 2020 inoltre, gli eredi delle persone decedute nel 2019 o prima del 23 luglio 2020, potranno utilizzare il modello 730 per la dichiarazione dei redditi del deceduto che avrebbe avuto i requisiti per tale modello.


Potrebbe interessarti: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Veniamo invece alle novità del modello 730/2020 riguardanti la residenza dei contribuenti: il reddito da lavoratore dipendente o simile di chi ha trasferito la sua residenza in Italia dal 30 aprile 2019, concorrerà per il 30% alla formazione del reddito complessivo, per il 10% se ci si è trasferiti al sud o nelle isole. 

Se si è atleti professionisti la percentuale è del 50%, ma va versato un contributo pari allo 0,5% della base imponibile.

Inoltre, sono stati creati due nuovi codici tributo per permettere ai residenti di Campione d’Italia di beneficiare delle agevolazioni fiscali a loro destinate.

Infine, per i residenti sloveni in Friuli Venezia Giulia non sarà più necessaria la traduzione degli attestati delle spese mediche in lingua slovena

Modello 730/2020: entro quando va presentato all’Agenzia delle Entrate?

Le scadenze sono rimaste invariate: la presentazione del modello 730/2020 dovrà avvenire entro il 7 luglio 2020 tramite sostituto d’imposta ed entro il 23 luglio 2020 tramite CAF. Il modello 730/2020 sarà disponibile dal 15 aprile 2020.

Leggi anche: Scontrini farmacia sbiaditi, cosa rischio al controllo del Fisco?