Morso da un cane: spetta il risarcimento dei danni subiti?

-
10/12/2019

Cosa fare se si viene morsi da un cane? Spetta il risarcimento dei danni subiti e come si fa per ottenerli?

Morso da un cane: spetta il risarcimento dei danni subiti?

Se si viene aggrediti da un cane si ha diritto al risarcimento dei danni? Il proprietario del cane può essere denunciato e rischia, eventualmente, una condanna penale? Cosa fare e come muoversi se il proprietario non risponde alle nostre richieste bonarie? In questo articolo illustreremo non solo i diritti ma anche cosa fare nel caso si venga morsi o aggrediti da un animale domestico.

Morso di cane: spetta il risarcimento?

Una nostra lettrice ci scrive:

 Buongiorno

 Siamo stati aggriditi da un cane che è uscito dal portocino di casa lasciato aperto, io e il mio cane mentre passeggiavamo sulla strada, ho fatto richiesta di risarcimento danni con raccomandata AR, ma non ho ricevuto nessuna risposta, cosa posso fare.

In attesa se possibile di una risposta, ringrazio.

Il proprietario di un cane (o di qualsiasi altro animale) è responsabile dei comportamenti e delle azioni dell’animale soprattutto in occasione di lesioni a persone o danni materiali. Se un cane morde un passante, quindi, il proprietario è tenuto al risarcimento dei danni e a stabilirlo è proprio la legge, all’articolo 2052 del Codice Civile.

La responsabilità del comportamento dell’animale, quindi, è del padrone, la responsabilità può essere superata soltanto dimostrando che l’accaduto è frutto di circostanze fortuite. Ovvero se il morso del cane è avvenuto in circostanze imprevedibili o eccezionali il proprietario pò discolparsi. Difficilmente, però, un’aggressione avvenuta per un cane che esce da un portoncino da solo e incustodito possa essere definita fortuita.


Leggi anche: Fondo perduto per Partite IVA: al via pagamenti per 1,9 miliardi, come verificare il sussidio e quando arrivano i soldi

Nel suo caso, quindi, oltre ad aver diritto al risarcimento dei danni può anche procedere alla denuncia del proprietario che si è macchiato del reato di lesioni colpose: anche se la lesione non è stata voluta dal padrone del cane, il suo comportamento negligente (lasciare il portoncino aperto e il cane incustodito) ha fatto in modo che la lesione avvenisse.

Per poter far riconoscere il reato al proprietario è necessario procedere con una querela entro 3 mesi dall’accaduto.

Se il proprietario, quindi, non ha risposto alla sua raccomandata, le consiglio di iniziare sporgendo la querela. Può rivolgersi anche ad un avvocato per fargli scrivere una lettera con la richiesta ufficiale del risarcimento dei danni subiti, evidenziando che senza una sua risposta si procederà per vie legali.