Mutuo 2020: cambia il tasso Euribor, le conseguenze per i mutuatari

-
10/12/2019

Mutuo 2020: dal 1° gennaio cambia il tasso Euribor, su cui si basa il tasso variabile dei mutui, quale saranno le conseguenze per i mutuatari?

Mutuo 2020: cambia il tasso Euribor, le conseguenze per i mutuatari

Il tasso variabile dei mutui è basato sul tasso Euribor, dalle oscillazioni di quest’ultimo cambia la rata da pagare. Nell’ultimo periodo la variazione dell’Euribor è stata minima se non nulla e di conseguenza il tasso variabile è cambiato poco, restando ai minimi storici già da mesi. Nel prossimo futuro si prospetta ancora una stabilità del tasso senza rialzi. La novità per il 2020 è il calcolo del Tasso Euribor che cambierà basandosi su dati certi, forniti obbligatoriamente dalle banche.

Mutuo 2020: il nuovo calcolo del tasso Euribor

Il nuovo calcolo del tasso Euribor darà al mercato finanziario più affidabilità e trasparenza, poiché da questo dipenderanno non solo le rate dei mutui ma anche tanti altri prodotti finanziari. Attualmente il calcolo dell’Euribor è basato su dati poco affidabili, esso si calcola su dati rilasciati da una ventina di banche che si confrontano sui tassi con cui scambiano denaro tra loro, la media di questi tassi rappresenta l’Euribor.

Dal 1° gennaio 2020 cambierà il calcolo dell’Euribor basandosi su dati più precisi forniti obbligatoriamente dalle banche sulle operazioni effettivamente eseguite, si avrà in questo modo un dato più affidabile e poco influenzabile. Questo nuovo metodo di calcolo consentirà di ottenere un’analisi più appropriata del mercato finanziario.


Leggi anche: Fondi pensione: anche con il coronavirus rendono più del TFR

Mutuo 2020: cosa cambia per i mutuatari

Per i mutuatari sostanzialmente non cambierà nulla. Il tasso variabile resterà agganciato all’Euribor, che nonostante il cambiamento del calcolo non preoccupa il mercato. Si prospetta, ancora, per i prossimi mesi un calo dell’Euribor a 3 mesi. Il rialzo si potrebbe registrare da giugno 2021 ma si manterrà sempre con il segno negativo fino al 2025.  Ottima notizia per chi ha optato per un mutuo a tasso variabile.

Il passaggio dall’ vecchio Euribor al nuovo si avrà in maniera graduale a partire dal 2020 fino al 2022. Inizialmente i due tassi si affiancheranno, il vecchio Euribor resterà in vigore per le operazioni già esistenti mentre il nuovo Euribor verrà applicato alle nuove operazioni. Comunque dai calcoli di verifica effettuati si è registrato che la variazione tra i due tassi è di pochi centesimi di punti di percentuale.

Mutui: cambia il tasso variabile dal 1°gennaio 2020, ecco come