Naspi e pensione Quota 100, ultime novità dall’Inps

L’Inps, con la circolare n. 88/2019, ha chiarito che i soggetti che raggiungono i requisiti per accedere a Quota 100 non perdono la Naspi, le novità.

L’Inps, con la circolare n. 88/2019, ha chiarito che i soggetti che raggiungono i requisiti per accedere a Quota 100 non perdono automaticamente l’eventuale sostegno al reddito dato dalla Naspi. Infatti, è possibile continuare a percepire la Naspi o scegliere di fare domanda per ottenere la pensione anticipata. Nella seconda eventualità, tuttavia, la Naspi decade alla prima decorrenza utile successiva alla domanda  e l’eventuale domanda di Naspi è rifiutata, con relativa decorrenza contemporanea o successiva alla decorrenza della pensione.

Circolare Inps: indennità di disoccupazione NASpI e pensione quota 100

Il decreto-legge n. 4/2019 all’articolo n. 4/2019 ha previsto in via sperimentale la possibilità del pensionamento anticipato con Quota 100, con i seguenti requisiti: un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni, nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021. Prevista una finestra mobile di tre mesi per i dipendenti privati e di sei mesi per i dipendenti pubblici, dal perfezionamento dei requisiti.

L’INPS nella circolare n. 88 del 12 giugno 2019,  ha chiarito  l’impianto normativo in materia di indennità di disoccupazione NASpI.

L’articolo 11 del decreto legge n. 4/2019, infatti, prevede, tra le ipotesi di decadenza dalla fruizione dell’indennità NASpI, il “raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato”. Questo ha reso necessario coniugare la disciplina con particolare riguardo al  riconoscimento e al mantenimento della NASpI.

Soggetti che perfezionano i requisiti ma non chiedono l’accesso alla pensione

Soggetti che, pur perfezionando i requisiti per il pensionamento, non richiedono l’accesso al trattamento di pensione quota 100.Accesso e decadenza dalla indennità di disoccupazione NASpI. Le domande di indennità di disoccupazione NASpI riferite a soggetti che, pur perfezionando nel triennio 2019-2021 i requisiti per il pensionamento Quota 100, non si avvalgono di detta facoltà, devono essere accolte. Parimenti, i medesimi soggetti, che si trovino in corso di fruizione della indennità di disoccupazione NASpI, non decadono da detta prestazione.

Soggetti che richiedono l’accesso al trattamento di pensione quota 100

I soggetti che siano stati ammessi al trattamento di pensione quota 100, la decadenza dalla NASpI opera dalla prima decorrenza utile successiva alla domanda di accesso al trattamento pensionistico. Questo criterio comporta il rifiuto delle domande di NASpI per le quali la fruizione dell’indennità dovrebbe decorrere contemporaneamente o successivamente alla prima decorrenza utile della richiesta prestazione di pensione quota 100.

È possibile consultare qui la circolare Inps: n. 88 del 12 giugno 2019

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”