Naspi e reddito da comunicare per non perdere il beneficio

-
14/02/2020

Indennità di disoccupazione Naspi e reddito presunto da comunicare per non perdere il benefico, alcuni chiarimenti utili.

Naspi e reddito da comunicare per non perdere il beneficio

L’indennità di disoccupazione Naspi è rivolta ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro, compresi gli apprendisti, il personale artistico con lavoro subordinato; soci lavoratori di cooperative; dipendenti a tempo determinato nelle P.A.. Sono esclusi dalla prestazione i: dipendenti a tempo indeterminato del pubblico impiego; lavoratori extracomunitari con permesso di lavoro stagionare; operai agricoli a tempo indeterminato e determinato; lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità (in questo ultimo caso è prevista l’opzione di scelta, tra assegno e Naspi).  Analizziamo il caso della Naspi e partita IVA e il reddito da comunicare per non perdere il beneficio.

Indennità Naspi e reddito da comunicare

Buongiorno,

ho aperto la partita IVA il 10/02/2020 come libero professionista a regime forfettario e, essendo in disoccupazione ho diritto alla liquidazione dell’indennità che dovrei percepire fino a novembre 2020. Ho letto su internet che è necessario comunicare anche il reddito presunto, ma nella richiesta sul sito INPS non viene necessariamente scritto. Cosa succede se non lo comunico? Viene interrotta qualora io superi la cosiddetta soglia dei 4800 €? Attendo delucidazioni grazie.

 

Quando si percepisce l’indennità di disoccupazione con partita Iva è necessario compilare il modulo Naspi-com indicando il reddito presunto che si prevede di percepire nell’anno in corso. Il reddito presunto da percepire nell’anno in corso deve essere inferiore a 4.800 euro, il superamento di questa soglia, comporta la decadenza del beneficio.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

La  comunicazione all’INPS deve avvenire col modello Naspi-Com entro 30 giorni dall’inizio dell’attività se si sta già percependo la Naspi, entro 30 giorni dalla domanda di disoccupazione  se l’attività è stata iniziata prima. 

Se non effettua la comunicazione la prestazione sarà sospesa.

Per approfondimenti consiglio di leggere: Indennità Naspi quando si perde il lavoro: domanda e calcolo dell’assegno