Nodo Smistamento Ordini, cosa è e come funziona

-
21/01/2020

Il Nodo Smistamento Ordini sarà dunque un sistema di interscambio per le fatture elettroniche, ne gestirà lo scambio di ordini di acquisto.

Nodo Smistamento Ordini, cosa è e come funziona

La nuova piattaforma Nodo Smistamento Ordini (NSO) sarà a breve il nuovo canale attraverso il quale dovranno transitare tutti gli Ordini di Acquisto Pubblici, per poi essere distribuiti ai rispettivi destinatari.

Attraverso questa piattaforma, il Ministero dell’Economia e delle Finanze potrà essere in grado di verificare la congruenza tra quantità di ordini e di fatture emesse. Sarà dal 1° febbraio 2020 che le aziende pubbliche del settore sanitario dovranno iniziare ad interfacciarsi con il NSO in modalità elettronica, anche rivolgendosi a dei soggetti intermediari.

Il Nodo Smistamento Ordini sarà dunque un sistema di interscambio per le fatture elettroniche, ne gestirà lo scambio di ordini di acquisto. Inoltre, la piattaforma convaliderà taluni aspetti della documentazione quali l’integrità, la nomenclatura ed il codice identificativo del destinatario, verificando anche che i documenti siano corretti e che contengano le informazioni necessarie per la fatturazione ed il pagamento, così come stabilito dalle linee guida NSO. Se la verifica avrà un esito positivo, allora NSO inoltrerà ai destinatari delle Notifiche di sistema ed informerà i mittenti dell’esito della verifica e del recapito.

Come funziona il Nodo Smistamento Ordini

Ciò che transiterà all’interno della piattaforma saranno documenti in formato digitale con i dati necessari per l’effettuazione di un lavoro (descrizione prodotti, quantità, prezzi, tempi e modalità di esecuzione e invio). Ogni documento verrà incluso all’interno di un messaggio, che conterrà anche la busta di trasmissione, in cui saranno indicati mittente e destinatario.

Gli attori di questo processo interagiranno con NSO attraverso determinate modalità di comunicazione predefinite quali web services, PEC, SFTP e canali PEPPOL.

Quali sono i soggetti coinvolti dal Nodo Smistamento Ordini?

I soggetti coinvolti dal Nodo Smistamento Ordini saranno:

  • gli enti del Servizio Sanitario Nazionale
  • i fornitori di beni e servizi degli enti del Servizio Sanitario Nazionale
  • i soggetti, pubblici o privati, che effettuino acquisti per conto degli enti del Servizio Sanitario Nazionale.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Quali saranno le modalità di trasmissione?

Gli attori dovranno trasmettere la documentazione attraverso due canali:

  • trasmissione standard: l’ente del Servizio Sanitario Nazionale, o chi per lui, provvederà ad inviare l’ordine al NSO, che effettuerà i controlli e, se avranno esito positivo, li inoltrerà all’azienda fornitrice,
  • validazione: l’ordine verrà inviato al NSO che restituirà una notifica di validazione, ma senza inviare l’ordine al fornitore. Questo sarà inviato tramite altra modalità.

Quali sono gli adempimenti di legge?

È l’articolo 3 del DM 7 dicembre 2018 a stabilire che nelle fatture elettroniche indirizzate alle pubbliche amministrazioni, per poter essere liquidate, devono riportare gli estremi dei documenti che attestino l’ordinazione e l’esecuzione degli acquisti tra i soggetti coinvolti.

A questo obbligo di legge si può adempire riportando alcuni dati identificativi nella fattura elettronica. Questi dati, conosciuti anche come “tripletta di identificazione”, sono:

  • il mittente, o identificativo del soggetto che ha emesso l’ordine,
  • l’identificativo del documento (ID) assegnato dall’emittente,
  • la data del documento (Issue Date) cui la fattura si riferisce e può trattarsi di un ordine iniziale, uno sostitutivo, uno di riscontro sostitutivo o di una risposta con modifiche.