Notifiche cartelle esattoriali ricevute ad agosto, ecco cosa succede?

Se si ricevono cartelle esattoriale ad agosto,  scatta la sospensione feriale dei termini. Vediamo nei particolari in che cosa consiste e quando può essere applicata.

Cartelle esattoriali con atto giudiziario ricevuto in agosto

Se siamo in procinto di andare in vacanza, ma ci assale l’ansia di poter ricevere un atto giudiziario in nostra assenza, e quindi non essere più in grado di poter far ricorso perché trascorsi i termini. Cosa posiamo fare?

È inutile incaricare un vicino o il portiere di ritirare la corrispondenza, perché non avrai lo stesso la possibilità di poterti difendere nei tempi previsti dalla legge.

Ma una soluzione c’è a questo tuo problema: sospensione feriale dei termini.

Cartelle esattoriali: ecco cos’è la sospensione feriale dei termini

Per avviare un atto di tipo processuale la legge indica dei tempi ben precisi da rispettare. Ogni tipo di proceduta ha un tempo diverso da rispettare, scaduto questo termine non si ha più la facoltà di difendersi, ciò si chiama “decadenza”.

Per essere più chiari facciamo degli esempi: se ricevi una multa hai 30 giorni per fare opposizione al giudice di pace; per una cartella di pagamento hai 60 giorni; se devi impugnare un licenziamento hai tempo fino a 180 giorni da quando il datore di lavoro ha ricevuto la tua lettera di contestazione e così via.

Quindi cosa succede se questi termini dovessero cadere a ridosso del mese di agosto?  Non c’è da preoccuparsi perché per i tribunali il mese di agosto non viene considerato e si applica la cosiddetta sospensione feriale dei termini. Dal 1° di agosto al 31 agosto tutte le attività processuali sono sospese e quindi si sospendono anche i termini. In pratica se un termine scade il 10 agosto questo viene traslato al 10 settembre. Se invece il termine inizia a decorrere durante il periodo di sospensione feriale, questo termine si sposta al primo giorno utile dopo questo periodo, cioè dal primo settembre.

Una precisazione fatta dalla giurisprudenza è quella sui termini di impugnazione di una sentenza, se questa decade nel periodo di sospensione dei termini, il termine di 60 giorni per produrre il ricorso in cassazione, inizia a decorrere dal 1° settembre.

atti giudiziari

Ecco le conseguenze della sospensione feriale dei termini

Con la sospensione feriale dei termini si creano diverse situazioni, vediamo quali:

  • qualsiasi scadenza che cade ad agosto viene automaticamente traslata al mese successivo;
  • in caso di un atto giudiziario notificato ad agosto, il termine per la tua difesa inizia a decorrere dal 1° settembre. Per cui sia che ricevi una cartella il 2 agosto che il 29 agosto, il termine di 60 giorni per fare opposizione parte dal 1° settembre;
  • nel calcolo dei termini processuali, i giorni che vanno dal 1° agosto al 31 agosto non si calcolano. Per cui, se ricevi una multa il 30 luglio, hai tempo fino al 29 settembre per andare dal giudice di pace;
  • dal 1° agosto al 31 agosto non si tengono gran parte delle udienze, salvo quelle per cause di particolare importanza.

Da questo che è stato detto possiamo dedurre che possiamo andare tranquillamente in vacanza, senza stressarci troppo. Anche perché, come abbiamo detto, per gli eventuali atti giudiziari che potremmo ricevere, il calcolo dei termini inizierà dal 1° settembre. Infine la raccomandata la potrei tranquillamente ritirare dal tuo rientro dalle vacanze, perché i termini di giacenza delle buste verde sono di 180 giorni e non di 30 giorni come per le normali raccomandate.

Quando non si applica la sospensione feriale dei termini

Ci sono alcuni casi processuali particolari ed urgenti per cui non viene applicata la sospensione feriale dei termini. Ne citiamo alcuni:

  • termine di efficacia di un precetto: se vuoi avviare un pignoramento, atteso che il precetto ha effetto per massimo 90 giorni, dovrai contare anche i giorni di agosto;
  • procedimenti cautelari nella fase sommaria;
  • termine per proporre azione di reintegrazione o spoglio;
  • cause in materia di lavoro;
  • cause in materia di previdenza e assistenza obbligatoria;
  • cause civili inerenti a obblighi alimentari;
  • amministrazione di sostegno, interdizione, inabilitazione;
  • procedimenti per l’adozione di ordini di protezione contro gli abusi familiari;
  • negoziazione assistita per i casi di separazione, divorzio e modifica delle relative condizioni;
  • fase sommaria nei procedimenti di sfratto.

Bollo auto scaduto, non sempre va pagato, ecco perchè

Notifiche cartelle esattoriali ricevute ad agosto, ecco cosa succede? ultima modifica: 2018-07-11T09:34:23+00:00 da Maria Di Palo

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.