Novità Contributi donne, Bonus Renzi, Naspi, Mutui, Riscatto laurea, Scontrini spese mediche, Fisconline

-
24/01/2020

Rassegna di oggi su: contributi donne lavoratrici, Bonus Renzi da 80 a 100 euro in busta paga, Naspi, Mutui, Riscatto laurea, Scontrini spese mediche, Fisconline

Novità Contributi donne, Bonus Renzi, Naspi, Mutui, Riscatto laurea, Scontrini spese mediche, Fisconline

Rassegna di oggi 24 gennaio 2020, su: Contributi donne lavoratrici; Indennità di disoccupazione NAspi; Bonus Renzi aumentato in busta paga; Mutui 2020 e tassi di interesse; Guida per accedere a Fisconline; Riscatto laurea agevolato; Dichiarazione d’intento per esportatori abituali; Scontrini spese mediche bisogna conservarli per la dichiarazione 730? Tutte le principali novità della giornata.

Donne lavoratrici e contributi figurativi

La legge Dini del 1995 ha introdotto delle importanti agevolazioni per le donne lavoratrici, limitatamente, però, a quelle che riceveranno il pagamento della pensione calcolato interamente al sistema contributivo. Le agevolazioni prevedono uno conto contributivo di 4 mesi sull’età pensionabile per ogni figlio (per un massimo di 1 anno), prevedono, inoltre, la copertura contributiva di 25 giorni l’anno se la lavoratrice si assenta per assistere figli (di età superiore ai 6 anni) genitori o coniuge disabili. Ma non finisce qui. Poichè la legge Dini prevede anche l’aspettativa per l’educazione dei figli coperta da contribuzione figurativa, leggi qui tutte le agevolazioni: Donne lavoratrici: 170 giorni di contributi figurativi per l’educazione dei figli

Indennità Naspi: calcolo assegno

L’indennità di disoccupazione Naspi è rivolta ai lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro, compresi gli apprendisti, il personale artistico con lavoro subordinato; soci lavoratori di cooperative; dipendenti a tempo determinato nelle P.A.. Sono esclusi dalla prestazione i: dipendenti a tempo indeterminato del pubblico impiego; lavoratori extracomunitari con permesso di lavoro stagionare; operai agricoli a tempo indeterminato e determinato; lavoratori titolari di assegno ordinario di invalidità (in questo ultimo caso è prevista l’opzione perla Naspi).  

Leggi qui tutte le informazioni: Indennità Naspi quando si perde il lavoro: domanda e calcolo dell’assegno

Aumenta il Bonus Renzi in busta paga

Bonus Renzi, c’è il via libera sull’aumento, del contributo riconosciuto ai lavoratori dipendenti che da 80 euro scatterà a 100 euro. Il Consiglio dei ministri ha approvato il provvedimento, che per il momento seguirà un periodo di prova di 6 mesi. Il governo per finanziare la misura, ha stanziato una dote finanziaria di circa 2.9 miliari, destinata a coprire il bonus che sarà elargito a 16 milioni di lavoratori da luglio 2020.


Leggi anche: Esame avvocato 2021: Ministero della Giustizia verso la doppia prova orale

Per sapere di quanto aumenterà la busta paga, leggi: Bonus Renzi 2020: le novità di luglio da 80 a 100 euro esteso ai redditi di 40.000 euro

Riscatto laurea agevolato

Con la circolare INPS del 22 gennaio l’istituto fornisce una diversa interpretazione del decreto legge 4/2019 ed estende la possibilità del riscatto agevolato anche agli anni di studio precedenti al 1996 per valorizzare gli anni universitari, che anno portato al conseguimento del titolo di studio, a livello pensionistico. L’estensione del requisito però richiede il possesso di ulteriori requisiti e la scelta del ricalcolo interamente contributivo dell’assegno pensionistico. Cerchiamo di capire di cosa si tratta.

Leggi qui le ultime novità: Riscatto laurea agevolato esteso anche prima del 1996: vediamo la novità

Mutui nel 2020 e interessi a tasso fisso o variabile?

Come si muoveranno i Mutui nel 2020? A quale tasso accedere fisso o variabile? Difficile stabilire l’ago della bilancia in quale direzione potrebbe andare, tuttavia è possibile formulare diverse ipotesi. Molto probabilmente, i tassi di interesse aumenteranno fino a terminare la corsa in salita, finendo per far cozzare di brutto i possessori di mutuo a tasso variabile. Come potrebbe accadere che caleranno, oppure si attesteranno stabilmente, producendo un effetto vantaggioso per i titolari di mutuo a tasso fisso.

Leggi qui la notizia completa: Mutui 2020: come si muoveranno i tassi di interesse? Le previsioni

Scontrino telematico  per  dichiarazione 730 

I contribuenti con la presentazione del 730 precompilato/ordinario possono recuperare la detrazione del 19% sulle spese mediche sostenute nell’anno. Ricordiamo che la detrazione spetta per la somma eccedente al franchigia di 129,11 euro. Ci si chiede se con l’ingresso dal 1° gennaio 2020 con lo scontrino telematico, non bisogna più conservare gli scontrini? Analizziamo la domanda di un lettore: Scontrini spese mediche, bisogna conservarli per la detrazione nel 730


Potrebbe interessarti: ISEE corrente 2021, novità sulle istruzioni: cos’è e come funziona

Fisconline: miniguida 

Fisconline è la risposta al taglio delle file incalcolabili da fare presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate, oppure agli uffici della Riscossione solo per versare un semplice F24 o pagare una rata in scadenza. Ma, non solo, infatti, utilizzando il servizio online del Fisco è possibile consultare la propria situazione debitoria, o visionare una dichiarazione dei redditi corrispondente agli anni passati, o ancora controllare le proprietà immobiliari. Fisconline offre tantissimi servizi a portata di click, non serve molto, bastano pochi minuti il codice fiscale, un pc e un collegamento in rete.

La guida completa qui: Fisconline: registrazione in una mini guida in 3 passi

Dichiarazione d’intento: le novità 2020

Novità per le dichiarazioni di intendo introdotte dall’articolo 12-septies D.L. 34/2019 (c.d. Decreto Crescita) in merito agli adempimenti degli esportatori abituali. Le novità sono entrate in vigore dal 1° gennaio 2020, l’esportatore abituale non ha più l’obbligo di consegnare la dichiarazione d’intento al fornitore, unitamente alla copia della ricevuta di trasmissione telematica, al fine di acquistare beni e servizi senza applicazione dell’Iva. 

Leggi qui la notizia completa: Dichiarazioni di intento: novità importanti per gli adempimenti degli esportatori abituali