Novità fattura elettronica, codice univoco, doppia registrazione e obbligo condominio

Fattura elettronica: l’Agenzia dell’Entrata ha pubblicato con provvedimento le novità per la delega massiva fattura elettronica, da presentare dal 5 novembre 2018, fornendo i nuovi moduli e istruzioni.

Gli intermediari delegati, per l’uso dei servizi di fatturazione elettronica aventi deleghe conferite dai contribuenti, potranno trasmettere la comunicazione telematica per l’attivazione all’Agenzia delle Entrate in modalità massiva, dal 5 novembre 2018, e in modalità puntuale dal 30 novembre.

Queste sono due le modalità con cui gli intermediari delegati potranno inviare la comunicazione telematica contenente i dati delle deleghe ricevute senza passare dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Gli intermediari, quindi, hanno due modi per poter comunicare il conferimento della delega all’Agenzia dell’Entrate:

  • tramite comunicazione telematica attraverso i servizi dell’Agenzia delle Entrate, se si è in possesso di alcuni elementi di riscontro, come  i dati relativi alla dichiarazione IVA presentata dal delegante nell’anno precedente;
  • dimostrare l’effettiva attribuzione della delega all’intermediario, utilizzando la procedura di comunicazione a mezzo PEC.

L’Agenzia dell’Entrate, il 5 novembre con la pubblicazione del provvedimento, ha messo a disposizione i modelli per il conferimento o per la revoca della delega all’utilizzo dei servizi legati alla fattura elettronica e il modulo per il cassetto fiscale delegato.

E’ possibile scaricare qui tutti i moduli e le istruzioni.

Scarica qui i moduli: Fattura elettronica 2019: moduli e istruzioni in pdf, per il corretto invio

Codice destinatario: che cos’è

Il codice destinatario è, un identificativo di 7 caratteri diverso ed unico per ogni Partita IVA.

Questo identifica il ricevente che sarà il destinatario della fattura elettronica, bisogna quindi comunicarlo ai propri fornitori per ricevere le e-Fatture.

Tale codice dovrà essere registrato sul sito web dell’agenzia delle entrate ed indicato come Indirizzo Telematico di riferimento per poter ricevere le fatture elettroniche passive.

Leggi la notizia completa qui: Fattura elettronica: come ottenere il codice destinatario

Fatturazione elettronica: doppia registrazione

Con l’introduzione della fattura elettronica dal 1.01.2019 non è prevista l’abolizione dell’invio dei dati delle fatture per prestazioni sanitarie (tramite il sistema tessera sanitaria) e dell’obbligo di trasmissione dei modelli Intra. Pertanto, l’avvento della e-fattura potrebbe fare aumentare gli adempimenti dei contribuenti.

Tuttavia, occorre considerare che, con l’innalzamento della soglia di ricavi a 65.000 euro, molti professionisti operanti nel settore sanitario potranno avvalersi del regime dei contribuenti forfettari ed evitare l’obbligo di emissione della fattura elettronica

Fattura elettronica anche per i condomini

Dal 1.01.2019 anche il condominio ricade tra i soggetti privati tenuti all’obbligo di fatturazione elettronica. Per consentire a ciascun condomino l’accesso ai dati della fattura, l’amministratore dovrà fare richiesta all’Agenzia delle Entrate per attivare il servizio Fisconline: una volta ottenuto il Pin, si potrà consultare l’area riservata “Fatture e corrispettivi” per scaricare le fatture elettroniche e accedere al cassetto
fiscale del condominio.

Codice Univoco

In ogni fattura elettronica è necessario indicare il Codice Univoco Ufficio, che rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SDI) di recapitare correttamente la fattura elettronica all’Ufficio destinatario. Il Codice Univoco Ufficio deve essere inserito nella fattura elettronica in corrispondenza dell’elemento del tracciato 1.1.4 denominato “Codice Destinatario”.

Scarica qui il modulo da inviare ai propri clienti: Modulo da inviare ai clienti per codice Univoco e Pec

Novità fattura elettronica, codice univoco, doppia registrazione e obbligo condominio ultima modifica: 2018-11-08T16:21:37+00:00 da Redazione NotizieOra

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.