Novità pensione opzione donna o quota 100: quale assegno conviene?

-
23/12/2018

Come valutare se la scelta dell’opzione donna è più conveniente rispetto alla pensione con la quota 100?

Novità pensione opzione donna o quota 100: quale assegno conviene?

Gentile Staff, 
desidererei un consiglio se scegliere Opzione donna o Quota 100 fra due anni (63+38).
Sono una dipendente statale nata settembre 1957, ho maturato 36 anni di contributi nel 2018. 
Non so se conviene valutare anche il valore dell’ assegno mensile! Attualmente il mio stipendio è di 1.600,00 euro. Con l’ Opzione Donna si ridurrà del 30%?
Grazie

Nel caso dell’Opzione donna conviene valutare anche l’importo dell’assegno proprio in virtù della forte penalizzazione applicata. Bisogna considerare che il ricalcolo contributivo dell’assegno pensionistico erogato con l’opzione donna non è temporaneo ma per sempre e quindi, la decurtazione si subirà per tutto il tempo che si percepirà la pensione.

Il ricalcolo contributivo applicato può portare penalizzazioni che arrivano fino al 30% ma non dello stipendio attuale, bensì della pensione che si percepirebbe con un calcolo misto retributivo contributivo.

Il mio consiglio non può essere quello di scegliere tra opzione donna o quota 100, ma quello di recarsi presso un CAF o un patronato con il suo estratto conto contributivo e farsi fare la simulazione di entrambi gli assegni pensionistici. Solo in quel momento potrà essere lei a valutare la convenienza o meno di una misura rispetto all’altra e la possibilità di anticipare la pensione di 2 anni.

Leggi anche: Pensione Opzione donna nel 2018: è possibile la domanda, ecco i requisiti

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio