Nuovi aiuti alle imprese: proroga di contributi e tasse 2020

-
06/04/2020

In arrivo il nuovo decreto di aprile al vaglio del Consiglio dei ministri. Si discute sul differimento dei pagamenti su contributi e tasse anche per il mese di aprile e maggio 2020.

Nuovi aiuti alle imprese: proroga di contributi e tasse 2020

Attesi nuovi aiuti alle imprese attraverso la proroga dei versamenti dei contributi e tasse riferiti al mese di aprile e maggio. Il nuovo decreto di aprile al vaglio del Consiglio dei ministri verte sull’emanazione di nuove misure a supporto delle famiglie e delle aziende, per fronteggiare le criticità economiche dovute all’epidemia da Covid-19. Nella bozza del decreto legge, è presente il differimento dei versamenti fiscali e contributivi fino alla data del 30 maggio 2020.

Proroga contributi e tasse del periodo di aprile e maggio 2020

I nuovi provvedimenti che a breve saranno annunciati dal Governo, non dovrebbero investire tutti i contribuenti (salvo ulteriori modifiche). Per il momento, nella bozza del dl è presente il credito alle aziende, e l’estensione dei  versamenti relativi a tasse e contributi fino al 30 maggio. Misure dirette al supporto delle aziende che rispondono ai seguenti criteri, quali:

– potranno beneficiare della misura le aziende i cui guadagni o compensi rientrino nella soglia di 50 milioni di euro. Corrispondente al periodo in cui le aziende hanno sopportato la diminuzione delle entrate, ossia dei ricavi pari a circa il 33% riferito a periodo di marzo 2020, in confronto al medesimo mese relativo allo scorso periodo d’imposta. E, per aprile 2020 in confronto al medesimo mese passato del relativo periodo d’imposta.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Tale provvedimento dovrebbero investire anche le partite Iva, ossia le imprese, gli artigiani e i lavoratori autonomi, sempre se in possesso dei criteri indicati innanzi.

Nella bozza del dl aiuti diretti alle imprese

Nella bozza del dl è presente, quindi, il differimento dei versamenti senza l’aggiunta di ulteriori sanzioni e interessi. Secondo la bozza, il pagamento di tasse e contributi viene posticipato al 30 giugno 2020. Le aziende dovranno provvedere ai versamenti fiscali e contributivi in un’unica soluzione. È possibile ottenere un rateizzo dell’importo in un massimo di 5 rate con cadenza mensile del medesimo importo. Sempre nel rispetto della stessa scadenza prevista per il mese di giugno 2020.

Il differimento dei versamenti è atteso a breve, poiché le norme introdotte nel decreto Cura Italia del mese di marzo si riferiscono solo alle scadenze relative al mese in corso e prorogate alla data del 31 maggio 2020. Ultima data per eseguire il versamento od ottenere la rateizzazione del pagamento. Nella bozza del dl è presente un pacchetto di sospensione di versamenti in scadenza nel periodo relativo al mese di aprile e maggio 2020.