Offerta di 768 posti di lavoro per il 2019, richiesti vari profili amministrativi

-
16/01/2019

ATS Sardegna ha reso noto che assumerà nuovo personale per la copertura di circa 768 posti di lavoro, ecco cosa bisogna fare nell’attesa dei bandi effettivi.

Offerta di 768 posti di lavoro per il 2019, richiesti vari profili amministrativi

L’ATS, acronimo di Azienda per la Tutela della Salute, è presente in Sardegna grazie alla legge regionale n. 17/2016 ed ha adottato un nuovo Piano Triennale dei Fabbisogni del Personale, il quale ha come scopo numerose assunzioni per il 2019. Lo stesso ente ha reso nota la notizia attraverso un avviso che è visibile nel sito web www.atssardegna.it. Come è già stato riportato dal titolo, il numero dei posti disponibile è 786, e sono richiesti vari profili. Inoltre, vi è un’ulteriore bella notizia, ovvero non solo ci si occuperà di dare lavoro ma anche di stabilizzare il personale precario. C’è da dire che sia le nuove risorse che quelle vecchie permettono di potenziare le strutture sanitarie e i servizi sanitari ospedalieri e territoriali, dove necessario, di ridurre le liste di attesa e di consolidare l’apparato tecnico amministrativo.

ATS Sardegna, quali sono le figure ricercate?

Come già anticipato, ATS Sardegna è alla ricerca di vari profili, in particolare si parla di 688 professionisti nell’area dirigenziale ed 80 nel settore amministrativo.
Oltre ai precari che saranno stabilizzati, gli altri inserimenti, ovvero quei dei lavoratori nuovi, saranno effettuati mediante nuovi concorsi, lo scorrimento di graduatorie in essere e procedure di mobilità .

Come mi candido per ATS Sardegna?

Tutti coloro che sono interessati a lavorare con ATS Sardegna dovranno aspettare la pubblicazione dei vari bandi di concorso. E’ quindi ancora presto parlare di candidatura vera e proprio. Ritornando al discorso dei bandi, è sempre bene visitare la pagina ATS ‘Concorsi’ del portale web aziendale (Azienda tutela salute > amministrazione trasparente > bandi di concorso).


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?