Offerte di lavoro: concorso per 6 avvocati in Banca d’Italia

Neo avvocati all’ascolto, che cercano lavoro, questa notizia è per voi: è uscito un nuovo concorso per lavorare in Banca d’Italia! Infatti, la banca centrale della Repubblica italiana ha presentato un bando di concorso che prevede l’assunzione di 6 Avvocati per il segmento professionale di Avvocato. Ecco di seguito tutti i requisiti richiesti ed altre informazioni.

Cos’è Banca d’Italia?

Trattasi della banca centrale della Repubblica italiana, Banca d’Italia è parte integrante dell’Eurosistema, composto dalle banche centrali nazionali dell’area dell’euro e dalla Banca centrale europea. I principali interessi sono nel settore monetario e finanziario, cioè il mantenimento della stabilità dei prezzi, obiettivo principale dell’Eurosistema in conformità al Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, a seguire la stabilità e l’efficienza del sistema finanziario, in attuazione del principio della tutela del risparmio sancito dalla Costituzione. Banca d’Italia, in tutti questi anni, ha offerto lavoro a ben circa 7 mila persone in Italia, ma anche all’estero.
Dal punto di vista europeo, la Banca d’Italia ricopre il ruolo “di autorità nazionale competente nell’ambito del Meccanismo di vigilanza unico (Single Supervisory Mechanism, SSM) sulle banche”, oltre che di quello come “autorità nazionale di risoluzione nell’ambito del Meccanismo di risoluzione unico (Single Resolution Mechanism, SRM) delle banche e delle società di intermediazione mobiliare”.

I requisiti del concorso

Per tutti quelli che sono interessati ad avere la possibilità di lavoro con Banca d’Italia, i requisiti richiesti sono i seguenti:

-Laurea magistrale/specialistica o diploma di laurea di “vecchio ordinamento” in Giurisprudenza (LMG/01 o 22/S), conseguita con un punteggio di almeno 105/110

-Iscrizione a uno degli Albi degli Avvocati

– Cittadinanza italiana o di un altro Stato membro dell’Unione Europea

– Idoneità fisica alle mansioni

– Godimento dei diritti civili e politici, anche nello Stato di appartenenza o di provenienza

– Non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell’Istituto (cfr. art. 7)

Le prove d’esame per il concorso

Esse avranno sede a Roma, e consistono in queste tre fasi:

1. “tre prove scritte in materie giuridiche: redazione di un parere motivato in materia di diritto commerciale; un atto defensionale in materia di diritto civile e diritto processuale civile; un parere motivato o un atto defensionale, a discrezione della Commissione, in materia di diritto amministrativo sostanziale e processuale”;

2. “una prova scritta di lingua inglese”;

3. “una prova orale: colloquio su tutte le materie delle prove scritte (inclusa la lingua inglese) nonché su diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro, diritto dell’Unione Europea e diritto delle banche e degli intermediari finanziari e assicurativi”.

Come partecipare al concorso

Per aspirare al lavoro presso la Banca d’Italia, la domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente attraverso l’applicazione disponibile sul sito internet della Banca d’Italia. E’ possibile inviare la richiesta di partecipazione fino al 21 dicembre del 2018, entro le ore 16:00, per la precisione. Ovviamente, per saperne di più, è bene consultare il bando sul sito di Banca d’Italia.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.