Opzione donna 2019: contributi malattia e maternità, quali vengono considerati?

-
28/01/2019

Pensione Opzione donna, il requisito contributivo di 35 anni richiesto esclude i contributi per malattia e disoccupazione? Analizziamo la normativa vigente

Opzione donna 2019: contributi malattia e maternità, quali vengono considerati?

Opzione donna 2019 e contributi malattia e maternità per il requisito contributivo, quali requisiti vengono considerati? Analizziamo la normativa vigente, rispondendo ad un quesito di una nostra lettrice:

Ho però un dubbio che nasce da ciò che ho letto (purtroppo velocemente, quindi non so se ho capito bene) qualche giorno fa, secondo cui i periodi di malattia non verrebbero conteggiati nella somma degli anni per i contributi versati. In 35-36 anni di lavoro ovviamente mi è capitato di stare a casa in malattia e mi preoccupa in particolare il 2016, anno in cui, a causa di 2 fratture che non si calcificavano, sono stata a casa in malattia per piu’ di 5 mesi. Inoltre nel 2010 sono stata in gravidanza a rischio dalla fine di giugno (termine del terzo mese) e poi, in seguito a parto gemellare, sono stata a casa fino a novembre 2012 (per i gemelli il congedo è doppio) ma non so se anche i periodi di gravidanza e maternità valgono nel computo dei contributi. Mi chiedo infatti se i periodi di malattia, gravidanza e maternità possono concorrere nel computo dei miei contributi versati entro il 2018, perché se così non fosse, temo che non avrei il requisito dei 35 anni di contributi versati entro il 31.12.2018. Grazie e cordiali saluti

Contributi malattia e maternità

Il messaggio Inps n. 219 del 04/01/2013, riporta: “Ai fini della valutazione della contribuzione per il perfezionamento dei 35 anni sono utili, nel limite di 52 settimane annue, i contributi obbligatori, da riscatto e/o da ricongiunzione, volontari,  figurativi  con esclusione dei contributi accreditati per malattia e disoccupazione,  tenuto conto che per dette lavoratrici le quali usufruiscono della sperimentazione l’applicazione del sistema contributivo è limitata alle sole regole di calcolo”.

Anche se il sistema contributivo, come si evidenzia nel messaggio dell’Inps n. 219 del l01/01/2013, riporta agevolazioni per le donne madri, queste agevolazioni non sono considerate per le lavoratrici che accedono all’Opzione donna.