Pace fiscale 2019: contributi 2018 e cartelle esattoriali in corso

-
04/03/2019

Pace fiscale 2019, è possibile sanare anche i contributi 2018 e cartelle esattoriali con rateizzazione in corso? Le ultime novità con rateizzazione in 120 rate.

Pace fiscale 2019: contributi 2018 e cartelle esattoriali in corso

Pace contributiva e dubbi su quali contributi rientrano, analizziamo il quesito di un nostro lettore: Buongiorno, io ho dei contributi che sto pagando dilazionato e sono 3 cartelle diverse.
Volevo sapere se ciò potrebbe rientrare nella pace fiscale e quindi farne un unica soluzione pagando sempre rateizzato. Gli ultimi 3 mesi del 2018 li ho sospesi e quindi anche questi possono essere inclusi o devo fare una domanda a parte. Vi ringrazio per la vostra attenzione. Cordiali saluti. 

Pace contributiva e periodi riscattabili

I periodi riscattabili con la pace contributiva sono quelli per cui non sussiste l’obbligo contributivo, non coperti da contribuzione, il periodo deve essere compreso tra la data di prima iscrizione all’istituto previdenziale e quella dell’ultimo contributo accreditato. Il riscatto contributivo non può superare più di cinque anni non consecutivi. La misura è riservata ai lavoratori privi di contribuzione precedente il 31 dicembre 1995. La rateizzazione non è attuabile nel caso i contributi devono essere utilizzati immediatamente  per la pensione.

E’ possibile scaricare qui il modulo per aderire: modulo domanda AP135

Pace contributiva con cartelle esattoriali in corso?

I contributi non pagati inseriti in cartelle esattoriali non possono essere inseriti nel riscatto contributivo. È possibile riscattare buchi contributivi non coperti da contribuzione. Ricordiamo che è possibile aderire al saldo e stralcio e alla rottamazione ter.


Leggi anche: Pensioni di garanzia allo studio per giovani e precari

Pace contributiva la novità della rateizzazione in 120 rate

Si allungano gli anni della rateizzazione della pace contributiva da 5 anni si passa a 10, da 60 rate a 120 rate mensili, per un importo minimo di 30 euro. E’ stato presentato l’emendamento al Governo che consente di attivare la misura a condizioni più favorevoli.