Pace fiscale dal 2019, ma non per tutti, 4 fattori per entrare, le ultime novità

Pace fiscale dal 2019, ma non per tutti, quattro i fattori che determineranno l’ingresso, tanti i dubbi su debiti IVA, rottamazione…

Pace fiscale, partirà nel 2019? Dalle ultime indiscrezioni, la misura dovrebe essere operativa nei primi mesi del 2019, ma non sarà per tutti. La fattibilità e la convenienza, dipenderanno da quattro fattori:

  • l’ammontare delle somme contestate dal Fisco;
  • lo stato dell’eventuale contenzioso;
  • la presenza di debiti Iva
  • raccordo con le rottamazioni delle cartelle già in corso.

L’accesso è facilitato per chi non ha aderito alla rottamazione, la pace fiscale è ancora un’incognita, si spera che negli ultimi giorni si chiariscono alcuni punti. l’ipotesi di un massimo di 100mila euro per il contribuente, ora è passata fino a 500mila euro nel Piano nazionale delle riforme (Pnr).

Rottamazione cartelle: conviene non pagare in attesa della pace fiscale?

Spesometro scadenze e sanzioni

Pace fiscale o integrativa tombale

La nuova misura, rappresenta uno dei punti salienti della prossima Legge di Bilancio. Si stringono i tempi e l’asse politico ruota coordinandosi per chiudere il cerchio, dando risposte a un popolo elettorale che aspetta l’assunzione degli impegni presi. Oggi, la Pace fiscale è uno degli obbiettivi più ambiti a cui il governo di cambiamento deve tener testa. Non è facile capire esattamente la funzionalità, le novità sono tante, in breve cercheremo di dare alcune risposte chiare.

Per tutte le informazioni, consigliamo di leggere: Pace fiscale 2019: l’integrativa tombale paralizza la riscossione?

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.