Pagamento pensioni maggio: dal 27 aprile al 4 maggio ecco a chi tocca

-
24/04/2020

Anche per il pagamento della pensione di maggio ci saranno anticipi che partiranno dal 27 aprile. Vediamo giorno per giorno, a chi tocca il ritiro.

Pagamento pensioni maggio: dal 27 aprile al 4 maggio ecco a chi tocca

Si avvicina la fine del mese e Poste Italiane ha pubblicato il calendario per il pagamento delle pensioni per il mese di maggio. Anche questo mese per ritirare quanto dovuto dall’INPS, le persone che devono eseguire questa operazione presso gli uffici postali dovranno attenersi alle regole stabilite per evitare inutili assembramenti e interminabili code presso gli sportelli.

Pagamento pensioni maggio: il calendario

Questo è il calendario a cui attenersi, diviso periniziale dei cognomi in ordine alfabetico e di seguito il giorno in cui è possibile ritirare la pensione.

cognomi dalla A alla B:                 Lunedì 27 aprile

cognomi dalla C alla D:                 Martedì 28 aprile

cognomi dalla E alla K:                 Mercoledì 29 aprile

cognomi dalla L alla P:                  Giovedì 30 aprile

cognomi dalla Q alla Z:                 Sabato 2 maggio (orario 8.30/12.30).

 

Per informazioni o spiegazioni è possibile consultare il sito di Poste Italiane o, in alternativa,  contattare il Numero Verde 800 003 322. Chiamare questo numero è gratuito ed è attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8:00 alle ore 20:00, esclusi i giorni festivi.

 

Chi non ha necessità di recarsi alle poste per il ritiro della pensione?

I cittadini che sono in possesso di un conto corrente postale, di una carta libretto o di una carta PostePay Evolution (questa carta non necessita di conto corrente ma ha comunque un suo IBAN e può ricevere un bonifico bancario da chiunque, INPS compreso n.d.r.) non hanno alcuna necessità di recarsi allo sportello e possono ritirare i contanti in uno dei tanti Postamat (gli ATM di Poste Italiane): la pensione verrà, probabilmente accreditata il 27 aprile (come il mese scorso, ma Poste Italiane non ha dato certezze al riguardo).

Per chi invece riceve la pensione direttamente sul proprio conto in banca, l’INPS ha comunicato che il trattamento sarà erogato il giorno lunedì 4 Maggio, primo bancabile lavorativo del mese.

Se invece non si è in possesso di nessuna carta elettronica sopracitata allora si è costretti al ritiro di persona presso l’ufficio postale. Essendo molte le persone che ancora usano ques’ultimo metodo, si è reso necessario, con lo scopo di ridurre code e stress, stabilire delle date precise abbinate a gruppi di persone divise in ordine alfabetico. Resta inteso, ma nell’ottica di offrire un servizio esaustivo ai nostri lettori, che bisogna recarsi agli sportelli solo per eseguire le operazioni essenziali, attenendosi alle regole di accesso stabilite e con i dispositivi di protezione idonei.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Ricordo inoltre alle persone di 75 anni o più che ricevono il trattamento pensionistico in contanti, che possono delegare i Carabinieri al ritiro e, quindi, farsela recapitare a domicilio evitando di incrementare le code e inutili rischi di contagio.