Pagamento reddito di cittadinanza di agosto e novità sulle spese

-
14/08/2020

Quando avverrà il pagamento del reddito di cittadinanza del mese di agosto per beneficiari di lunga data e per nuovi beneficiari? Vediamo anche le novità sulle spese effettuate e non effettuate.

Pagamento reddito di cittadinanza di agosto e novità sulle spese

A metà mese inizia l’attesa, per i beneficiari del reddito di cittadinanza, dell’arrivo della ricarica. Nel mese di agosto, oltre ai beneficiari di lungo termine avranno il pagamento delle somme spettanti anche coloro che hanno fatto richiesta del sussidio nel corso del mese di luglio. Vediamo il calendario dei pagamenti e le novità sugli importi spesi e non spesi.

Pagamento reddito di cittadinanza di agosto

I beneficiari di lungo termine del reddito di cittadinanza per la ricarica di agosto dovranno attendere, come al solito, fine mese visto che solitamente il pagamento avviene tra il 24 ed il 27 del mese in corso.

Per chi ha presentato domanda per ottenere il sussidio a luglio, invece, il pagamento solitamente arriva entro il 15 del mese successivo, ma essendo il 15 agosto sabato e anche Ferragosto, molto probabilmente la ricezione della card con accreditata la prima mensilità non arriverà prima di lunedì 17 agosto.


Leggi anche: Fondi pensione: anche con il coronavirus rendono più del TFR

Per chi, infine, ha presentato domanda per ottenere il sussidio nel corso del mese di agosto il primo pagamento, contestuale alla consegna della carta di reddito di cittadinanza, avverrà entro il 15 settembre.

Reddito di cittadinanza di agosto: cosa cambia nelle spese?

Ricordiamo, inoltre, che con la ricarica del mese mese di agosto prende il via il meccanismo di decurtazione del sussidio spettante nel caso che non venga spesa tutta la somma ricaricata. Le prime decurtazione avverranno a fine settembre proprio sulla base della ricarica di agosto.

Attenzione, quindi, per non incorrere nel taglio del 20% del reddito di cittadinanza spettante è necessario spendere tutto l’importo ricaricato ad agosto entro la prossima ricarica (è permessa una rimanenza di 8 euro, fino quella cifra, infatti, non si incorre nella decurtazione del mese successivo).

Come abbiamo già scritto in un precedente articolo, in ogni caso, i tagli che interesseranno il reddito di cittadinanza sono essenzialmente 2, uno mensile ed uno semestrale.

Il controllo mensile, quindi, partirà dal mese di settembre sulla ricarica di agosto. Per il controllo semestrale bisognerà attendere gennaio 2021: in questo caso si controlleranno tutti gli accantonamenti mensili effettuati nonostante il controllo mensile. Nel mese di febbraio 2021, infatti, sarà tagliato tutto l’accantonato lasciando, al netto degli arretrati del reddito di cittadinanza dovuti, solo la cifra del mese spettante.


Potrebbe interessarti: IMU 2021, ultimi giorni per il pagamento: tutte le info su scadenza, calcolo acconto ed F24