Pagare a rate con il bancomat e senza finanziamento: c’è Pagodil, cos’è e come funziona

-
21/10/2019

Un pagamento tramite bancomat che permette di dilazionare gli acquisti senza interessi e senza altri costi. Un pagamento a rate a costo zero.

Pagare a rate con il bancomat e senza finanziamento: c’è Pagodil, cos’è e come funziona

Quando si decide di acquistare qualcosa pagando a rate si devono prendere in considerazione molti fattori tra i quali il tasso di interesse, la mancanza di una busta paga che rende il finanziamento impossibile o i costi di attivazione del finanziamento stesso. Ma Confidis ha pensato un prodotto che permette di superare tutte queste difficoltà permettendo il pagamento rateale attraverso il bancomat. Si tratta di Pagodil.

Pagodil: cos’è e come funziona

Pagodil non è un finanziamento ma una dilazione del pagamento. Con questo prodotto è possibile, quindi, pagare a rate senza l’applicazione di costi e di interessi e alla fine l’importo pagato a rate è identico a quello di acquisto.

Con Pagodil, quindi, non essendo un finanziamento non vi è la necessità di interrogare la centrale di rischio per capire se il cliente è un cattivo pagatore. Il rimborso, infatti, avviene con rid bancario con formula “pro-solvendo”.

Si tratta di una dilazione, però che prevede un numero di rate predeterminate che non può influenzare l’acquirente (di solito si tratta di 6, 10 o 12 rate, solo eccezionalmente possono esserci riduzioni o aumenti nel numero delle rate).

L’unico problema è che Pagodil può essere utilizzato soltanto nei negozi che hanno aderito al servizio (quindi meglio chiedere prima perchè anche se si tratta di una grande catena di negozi al servizio potrebbero aver aderito solo un certo numero di punti vendita).


Leggi anche: Pensioni di garanzia allo studio per giovani e precari

Come funziona Pagodil?

Pagodil ha un funzionamento molto semplice e per utilizzarlo servono soltanto informazioni di base come:

  • codice fiscale dell’acquirente
  • numero di telefono
  • documento di identità

Come potete notare non è richiesto alcun documento che attesti il reddito per chi compra (busta paga o altro documento attestante il reddito).

Per attivare il pagamento è necessario consegnare al venditore il bancomat o un assegno. Il venditore farà richiesta a Confidis tramite il Pos e nel giro di pochi minuti si avrà il responso. Se la richiesta verrà accettata l’acquirente dovrà firmare lo scontrino del POS come accettazione di pagamento dilazionato.

Il pagamento dilazionato partirà dalla prima scadenza successiva tramite rid bancario.

L’unico svantaggio di questa formula di pagamento sembra essere rappresentata dal fatto che non è il richiedente a stabilire il numero di rate in cui rimborsare il pagamento. In alcuni casi, quindi, la durata della dilazione potrebbe essere troppo breve e portare al pagamento di rate molto alte.

Pagodil: perchè potrebbe essere rifiutato?

Il bancomat o l’assegno servono a Confidis per fare un controllo generale sul conto corrente di chi richiede la dilazione. Il controllo, molto veloce, prende in considerazione solo la solvenza del conto corrente. Il pagamento dilazionato, quindi, potrebbe essere rifiutato solo in caso di sofferenza del conto, saldo in rosso o con movimenti che non appaiono sicuri.