Pagare l’acconto IMU è ancora possibile con sanzione ridotta all’ 1,5% fino al 18 luglio

E’ possibile pagare l’acconto IMU con ravvedimento breve, fino al 18.06.2018, fino al 18.07.2018 con sanzione ridotta all’1,5%, ecco come fare.

E’ possibile pagare l’acconto IMU con ravvedimento breve, per rimediare agli errori di calcolo o al mancato versamento dell’acconto Imu del 18.06.2018, fino al 18.07.2018 con sanzione ridotta all’1,5%.

Imu e Tasi 2018, esenzioni per anziani e disabili: ecco tutte le novità

Come pagare l’imposta Imu in ritardo con ravvedimento

Tasse e fiscoIn caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi vanno versati sommandoli all’imposta e quindi con lo stesso codice tributo.

Ci sono quattro tipologie di ravvedimento (il “Ravvedimento Medio” è stato introdotto dalla Legge di Stabilità 2015) di cui le prime tre modificate nell’entità della sanzione dal DLgs 158/2015.

Imu e Tasi 2018: novità scadenze e pagamenti, sono previsti aumenti?

Ravvedimento Sprint

Prevede la possibilità di sanare la propria situazione versando l’imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,1% giornaliero (in precedenza era 0,2%) del valore dell’imposta più interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Breve

Applicabile dal 15° al 30° giorno di ritardo, prevede una sanzione fissa del 1,5% (in precedenza era 3%) dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Medio

E’ applicabile dopo il 30° giorno di ritardo fino al 90° giorno, e prevede una sanzione fissa del 1,67% (in precedenza era 3,33% – sanzione minima ridotta ad 1/9) dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale (Comma 637 Legge di Stabilità 2015).

Ravvedimento Lungo

E’ applicabile dopo il 90° giorno di ritardo, ma comunque entro i termini di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione. In mancanza di Dichiarazione, nei casi in cui non c’è nuova dichiarazione, la data di riferimento è quella della scadenza del versamento.
Prevede una sanzione fissa del 3,75% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

IMU, non può essere negata l’aliquota agevolata, tutte le novità

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.