Risparmiometro: nuovo strumento per controllare i conti correnti, ecco cosa si rischia

-
13/06/2019

L’Agenzia dell’Entrate ha messo a punto un nuovo strumento conto gli evasori: il risparmiometro, ce controllerà i movimenti di conto corrente: ecco come.

Risparmiometro: nuovo strumento per controllare i conti correnti, ecco cosa si rischia

Il cittadino italiano che conserva troppi soldi sul conto corrente rischia di dare spiegazioni all’Agenzia dell’Entrate. Siamo quasi ad avvicinarci ad un prelievo forzoso dai conti correnti. Vediamo di cosa si tratta e chi sono i soggetti che rischiano una tale procedura. L’Agenzia delle Entrate in questi giorni ha diffuso una nota in cui dichiara che tra poco viene messo in pratica il Risparmiometro, dopo un periodo di sperimentazione. Inoltre verrà messo in pratica non solo nei confronti delle partite IVA, ma anche delle persone fisiche.

Rispiarmometro: che cosa è

Il Risparmiometro è uno strumento ideato dal Fisco per scovare gli evasori fiscali, e sarà utilizzato anche dalla Guardia di Finanza. Il Risparmiometro è un software che misura ciò che il contribuente accumula in banca in un anno mettendoli a confronto con i redditi invece dichiarati. Nel caso in cui risultassero il risparmio maggiore rispetto al reddito dichiarato, scatterà la tassazione.

Il sistema opera in modo automatico, senza l’intervento del funzionario, e avvisa l’Agenzia dell’Entrate quali sono i soggetti che evadono le tasse, senza che si avvii un’apposita indagine.

Il risparmiometro: come funziona

Il sistema individua quelle situazioni che sono particolarmente strane, come ad esempio un conto corrente che riceve solo entrate e poche operazioni in uscita, ciò sospetterà il sistema che emette una richiesta di verifica. Questo tipo di situazione mette in allerta il Fisco che ritiene che il soggetto abbia delle disponibilità economiche proveniente da attività non dichiarate. Quindi, a questo punto il contribuente in oggetto, riceverà una lettera di richiesta di chiarimenti. Il contribuente dovrà giustificare il suo tenore di vita e dimostrare chi il reddito con cui ha vissuto proviene da attività lecite, come donazioni, risarcimenti oppure vincite al gioco.


Leggi anche: Smart working per statali: ipotesi anche dall’estero

Il risparmiometro: strumento contro l’evasione

il data base del risparmiometro sarà messo a disposizione anche alla Guardia di Finanza. Infatti le Fiamme Gialle già hanno individuato 156 soggetti da dover sorvegliare. Infatti per la guardia di Finanza le informazioni del risparmiometro sono come spie rosse e allarmi dai quali far scattare più invasive indagini finanziarie.

Il risparmiometro, o super anagrafe finanziaria come è stato battezzato, dà la possibilità al Fisco di conoscere nel dettaglio tutte le movimentazioni e gli elementi di natura finanziaria dei contribuenti. Verrà messo sotto la lente di ingrandimento qualsiasi operazione effettuata in banca dal bonifico ai versamenti in contanti, ciò significa più controlli e più mirati.