Pensionamento a 65 anni nella PA: quando è possibile?

-
11/11/2019

Nella pubblica amministrazione quando è possibile accedere al pensionamento a 65 anni? Vediamo la normativa.

Pensionamento a 65 anni nella PA: quando è possibile?

  Nella pubblica amministrazione il dipendente che, al compimento dei 65 anni, ha maturato il diritto a qualsiasi tipo di pensione è collocato a riposo d’ufficio. Se non ha raggiunto diritto alla pensione, invece, rimane in servizio fino al compimento dei 67 anni necessari per accedere alla pensione di vecchiaia.

Pensionamento a 65 anni

Un nostro lettore, docente, ci scrive: 

 Salve, sono un docente (I.R.C.)  a  T.I.,  gradirei cortesemente una consulenza in merito a quanto di seguito espongo  al 31/8/2020 maturo 37 anni di servizio  utili ai fini pensionistici , comprensivi di un  anno di servizio militare.   Sono all’ultima classe di stipendio. Compio 65 anni a dicembre 2020. Quesito:  Posso andare in pensione dal 1/9/2020 e senza subire penalizzazioni?In attesa, grazie infinite .

Purtroppo, avendo soltanto 37 anni di servizio, non matura al compimento dei 65 anni nessun diritto alla pensione. E’ pur vero che potrebbe rientrare nell’Ape sociale, ma quest’ultima spetta soltanto a invalidi, disoccupati, caregiver, usuranti e gravosi e, purtroppo, non è il suo caso. L’età limite per il pensionamento quindi, anche per lei, è di 67 anni.

Nella pubblica amministrazione il pensionamento a 65 anni è possibile ed obbligatorio soltanto quando c’è un diritto alla pensione. Potrebbe accedere, l’anno successivo, alla maturazione dei 38 anni di contributi, al pensionamento con quota 100 a decorrere dal 1 settembre 2021, con presentazione della domanda di cessazione dal servizio entro dicembre 2020. 

Altre possibilità di un prepensionamento non ne esistono e dovrebbe attendere, in alternativa di compiere i 67 anni necessari per accedere alla pensione di vecchiaia.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura