Pensionamento anticipato a 64 anni con riscatto laurea o a 67 senza?

-
19/03/2020

Pensionamento anticipato con Quota 100 e dubbi sulla convenienza del riscatto laurea, alcuni chiarimenti in risposta alla domanda di un nostro lettore.

Pensionamento anticipato a 64 anni con riscatto laurea o a 67 senza?

Pensionamento anticipato con Quota 100 con 62 anni e 38 anni di contributi fino al 31 dicembre 2021, ci viene chiesto quando conviene il riscatto laurea per raggiungere il requisito contributivo richiesto anche in virtù della riforma pensione alla studio: analizziamo questa domanda in base agli ultimi sviluppi in merito. 

Pensionamento anticipato a 64 con riscatto laurea

Gentile   Angelina  Tortora: Gradirei per quanto le è possibile avere una  risposta per la mia situazione di  vita lavorativa .

Compirò 64 anni ,questo prossimo mese di giugno.  Insegno ed. Fisica nella scuola secondaria di II grado .Sono stato precario dal 1986 al 2000 (14 anni ). Immesso in ruolo , dal 2000 a tutt’oggi  in servizio, tenga presente che ho prestato servizio militare  nel 1978 , regolarmente riscattato . In tutto a conti fatti sono 35  anni di servizio prestati .

Mi chiedo ,  se nella mia condizione attuale è possibile o  vale la pena  riscattare il mio titolo di diploma di laurea (ISEF) , pensando alla quota 100 valida fin o al 2021 ( 62 -38 ). Altrimenti , lo so mi tocca pensare alla pensione di vecchiaia a 67 anni , nel 2023. Ammesso che con questa bella corona che tutti portiamo , si riesca a essere fortunati . Sarei felice di sapere  che cosa può o potrebbe costarmi .

La ringrazio immensamente , e la saluto cordialmente, per tutto quello che potrà dirmi.

Non sempre il riscatto laurea conviene

Ogni caso è a sé, lei riscattando gli anni di laurea può accedere alla Quota 100 anticipando di due anni il pensionamento. La quota 100, dalle ultime indiscrezioni, prima del coronavirus, sicuramente subirà delle modifiche sull’età anagrafica (101/102) o nel caso peggiore potrebbe essere annullata. Quindi, se lei ha esigenza di lasciare il lavoro, il riscatto della laurea le permetterebbe di accedere alla Quota 100. Va ricordato che la Quota 100 è l’unica misura che permette di accedere con un requisito anagrafico di 62 anni, oltre la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Un’altra misura che non contiene il requisito anagrafico ma prevede un requisito contributivo molto alto è la pensione anticipata con 42 e 10 mesi (uomini) e 41 e 10 mesi (donne).


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Riepilogando, nel suo caso il riscatto della laurea è utile perché le permette l’accesso anticipato alla pensione con la quota 100, ma bisogna considerare due aspetti importanti: il primo riguarda l’età anagrafica in quanto lei  potrà accedere al pensionamento a settembre 2021, quindi a 65 anni; il secondo riguarda il costo del riscatto (agevolato o ordinario) che dovrà essere pagato in un’unica soluzione, in quanto i contributi dovranno essere accreditati in tempo utile per il calcolo dell’assegno pensionistico.

Quindi, se non ha urgenza di uscire anticipatamente le conviene, a mio avviso, accedere al pensionamento a 67 anni.

Se decide per il riscatto, le conviene riscattare solo gli anni che le mancano per raggiungere il requisito contributivo dei 38 anni. Lei nel 2021 avrà 36 anni effettivi gliene mancano solo due.

Leggi anche: Riscatto della laurea: non sempre è utile per anticipare la pensione