Pensionamento con 41 anni di contributi, ha una scadenza?

-
03/04/2020

Lavoro usurante e gravoso utile per anticipare il pensionamento con 41 anni di contributi, ma esiste una scadenza per la Quota 41?

Pensionamento con 41 anni di contributi, ha una scadenza?

Per poter accedere al pensionamento con Quota 41, bisogna avere requisiti specifici oltre ai 41 anni di contributi indipendentemente all’età anagrafica. Analizziamo nel dettaglio quali sono rispondendo al quesito di un nostro lettore.

Requisiti Quota 41

I requisiti richiesti per il pensionamento con Quota 41 sono i seguenti:

√ lavoratore precoce (che abbia almeno 52 settimane di contributi prima del compimento del diciannovesimo anno di età)

Che si trovi in una delle seguenti tutele

√ disoccupato che da 3 mesi ha finito di percepire la naspi;
√ lavoratore invalido con una percentuale del 74%;
√ lavoratore caregiver che almeno da 6 mesi assiste il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3);
√ lavoratore che svolge mansioni usuranti.

Previsa una finestra di tre mesi dalla maturazione dei requisiti.

Pensionamento con Quota 41: quando scade?

Un lettore ci chiede: Buonasera ,vorrei sapere ,se possibile ,se il lavoro di autista di bus ( autoferrotranviere) rientra nei lavori usuranti /e o gravosi, se sì fino a quando è valida la legge 41 usuranti precoci.Grazie

L’elenco delle categorie del lavoro usurante è previsto ne Dlgs. 67/2011, tra cui rientra anche la categoria dei  conducenti di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo, con capienza complessiva non inferiore a 9 posti. Per accedere al pensionamento è richiesto che l’attività lavorativa sia svolta almeno sette anni negli ultimi dieci anni di lavoro oppure almeno metà della vita lavorativa. 

La quota 41 è strutturale non ha scadenza, alla maturazione dei requisiti è possibile fare domanda.

⇒ Pensionamento con Quota 41 per lavoro gravoso camionista, come capire se la qualifica è giusta?