Pensionamento con 61 anni di età, quali possibilità

-
07/02/2020

Il pensionamento con 61 anni di età non è facile, analizziamo cosa conviene fare in base alle misure pensionistiche attualmente in vigore.

Pensionamento con 61 anni di età, quali possibilità

La pensione è per tanti lavoratori un rebus, perchè la ruota burocratica del sistema pensionistico ha creato una situazione complessa e difficile. Tante riforme e tante misure pensionistiche accessibili ad una ristretta platea di beneficiari. Questo crea nei lavoratori prossimi alla pensione una serie di dubbi su quale misura pensionistica conviene o se si posseggono i requisiti per uscire anticipatamente dal lavoro. Oggi rispondiamo ad un lettore che ci chiede: Ho 61 anni e 31 anni di contributi quando posso accedere alla pensione?

Possibilità di pensionamento a 61 anni?

I due requisiti attualmente da lei maturati (età 61 e 31 anni di contributi), al momento non le danno la possibilità di accedere a nessuna misura pensionistica.

L’unica misura che permette l’accesso anticipato di cinque anni dalla pensione di vecchiaia è rendita Integrativa Temporanea Anticipata.

Per accedere alla Rendita è richiesto un requisito contributivo di minimo 20 anni versati in gestione obbligatoria e almeno 5 anni versati in un fondo pensione complementare. Abbiamo formulato degli esempi di calcolo in quest’articolo: Pensione a 62 anni con 35 anni di contributi, ecco di cosa si tratta

La RITA non è a scadenza, quindi è possibile fare sempre domanda. Inoltre, per i disoccupati di lunga durata (24 mesi), sempre con in possesso dei requisiti, l’anticipo è di dieci anni dalla pensione di vecchiaia.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Pensione contributiva: Con 64 anni di età è possibile accedere alla pensione contributiva e anche qui ci sono dei paletti da rispettare. Questa misura richiede almeno 20 anni di contributi e 64 anni di età, è accessibile solo per chi non ha contributi versati prima del 1996.

Se non rientra nella RITA e non rientra nella pensione contributiva, salvo una diversa riforma attualmente allo studio, dovrà attendere i 67 anni di età.