Pensionamento con la rendita a 62 anni nella scuola, chiarimenti sul TFR

-
09/03/2020

Liquidazione del TFR nel comparto scuola con il pensionamento con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata a 62 anni, alcuni chiarimenti sui tempi e modalità.

Pensionamento con la rendita a 62 anni nella scuola, chiarimenti sul TFR

Pensionamento nel comparto scuola con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA) e liquidazione del Trattamento di fine rapporto (TFR), abbiamo esaminato i tempi e le modalità considerando vari aspetti e l’adesione al Fondo, rispondendo ad una nostra lettrice.

Pensionamento con Fondo Espero

Buonasera, sono iscritta al Fondo Espero dal 2005, vorrei andare in pensione con Rita, Vi chiedo: quali sono le tempistiche per percepire il TFR una volta fatta la domanda di pensione?

Certa di un gentile riscontro Vi saluto cordialmente.

Liquidazione del TFR: disposizioni generali

Il pagamento del TFR nel pubblico impiego è differente a seconda le cause di cessazione del rapporto di lavoro. Nello specifico, viene corrisposto:

  • nel termine considerato breve di 105 giorni nel caso di cessazione dal servizio per inabilità o per decesso (termine breve);
  • per cessazioni del rapporto di lavoro (per raggiungimento dei limiti di età o di servizio) bisogna attendere 12 mesi;
  • in tutti gli altri casi per cessazione del rapporto di lavoro (dimissioni volontarie con o senza diritto a pensione, licenziamento, destituzione dall’impiego ecc.), non prima dei 24 mesi.

Vanno aggiunti 3 mesi in più che l’Inps impegna per il disbrigo della pratica di liquidazione del TFR.

La normativa chiarisce che sono dovuti gli interessi di mora, quando il TFR non viene corrisposto nei tempi sopra citati. Gli interessi decorrono se il pagamento è effettuato:

  • dopo 105 giorni (per le casistiche sopra menzionate);
  • decorsi 3 mesi dalla decorrenza dei 12 mesi ovvero dei 24 mesi dalla cessazione in tutti gli altri casi.

Bisogna comunque fare una precisazione: indipendente te dalla forma, il TFS per i dipendenti pubblici entro il 31 dicembre 2000 che hanno optato per il fondo pensione di categoria: fondo Espero per la Scuola e per tutti gli altri fondo AFAM e Perseo Sirio; mentre trova automatica applicazione il TFR per il personale assunto dopo  il 31 dicembre 2000.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Precisazione sul TFR e Fondo Espero

Alcune precisazione sulla distinzione del Trattamento di fine servizio o fine rapporto, sono riportate nelle FAQ messe a disposizione dal Fondo Espero, abbiamo estrapolato queste due domande e risposte.

  • Come capire se si tratta di TFS o TFR?

Chi ha un contratto a tempo determinato è sicuramente in TFR (fanno eccezione solo gli insegnanti di religione che da prima del 01/01/2001 non hanno mai avuto un giorno di interruzione del rapporto di lavoro).

Per chi ha un contratto a tempo indeterminato lo spartiacque è il 31-12-2000. Prima del 31-12 si è in TFS, dopo in TFR. In caso di decorrenza economica diversa dalla decorrenza giuridica va presa in considerazione la DECORRENZA GIURIDICA del contratto.

L’aderente al Fondo Espero è sempre in TFR: con l’adesione al Fondo, se non si è già in regime di TFR, si opta infatti per il passaggio.

  • In cosa si differenziano il Trattamento di Fine Servizio (TFS) e il trattamento di fine rapporto (TFR)?

Il Trattamento di Fine Servizio (TFS) si differenzia dal trattamento di fine rapporto (TFR) per le modalità di calcolo. Il TFS è pari all’80% dell’ultima retribuzione utile moltiplicata per gli anni di servizio.
Il TFR, invece, corrisponde all’accantonamento di una quota del salario corrisposto (6,91%), calcolata sul 100% della retribuzione utile, e rivalutato, anno dopo anno, sulla base del 75% del tasso d’inflazione più un 1,5% fisso.
Ci sono, inoltre, alcune differenze rispetto al trattamento fiscale delle prestazioni.

Il TFR nel fondo Espero per il pensionamento con la rendita

Quindi, il TFR o TFS va a confluire nel calcolo della Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA). Chi ha forme complementari può riscuotere una rendita fino al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento.


Potrebbe interessarti: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Il mio consiglio è di interpellare il fondo Espero e chiedere una simulazione della rendita che le sarà corrisposta. Va precisato che la rendita permette anche vantaggi fiscali.

Consiglio di leggere la nostra guida: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa

Riepilogando, per il TFR che non è rientra nel fondo, dovrà attendere 24 mesi per dimissioni volontarie, anche per accedere al pensionamento anticipato con la RITA.