Pensionamento con la rendita: dalla domanda all’assegno qual è la finestra da rispettare?

-
19/04/2020

Pensionamento con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata e tempi di attesa dalla domanda all’assegno, chiarimenti e possibilità.

Pensionamento con la rendita: dalla domanda all’assegno qual è la finestra da rispettare?

Il pensionamento con la rendita in alcuni casi rappresenta un’utile alternativa sotto vari aspetti. Permette l’anticipo di 5 anni dall’età richiesta per la pensione di vecchiaia o 10 anni in caso di lavoratori disoccupati almeno da 2 anni. Per aderire a questa misura bisogna aver aderito ad un fondo pensione, un lettore ci chiede qual è la finestra da rispettare alla maturazione dei requisiti. Analizziamo cosa prevede la normativa.

Pensionamento con la rendita: tempi di attesa

Buonasera. Sono una lavoratrice autonoma…ho 57 anni. Sto valutando la possibilità di accedere alla R.I.T.A. ho chiesto ad un CAF …e mi Hanno detto che è fattibile, lavoro dal1984 ed ho tutti i requisiti. La mia domanda appare forse inopportuna…ma tra la presentazione della domanda…al versamento della quota mensile… quanto tempo può trascorrere? È una richiesta che faccio per organizzare quella che può essere la mia triste uscita dal mondo del lavoro.

Cordialmente Vi saluto.

La R. I. T. A. non ha finestre mobili

Possono aderire a questa misura tutti i lavoratori di qualsiasi settore: privato, pubblico e autonomi che hanno aderito ad un fondo di previdenza complementare a contribuzione definitiva e versato almeno cinque anni di contributi. Da dire che questa misura conviene quando maggiore è il montante contributivo accumulato nel fondo. Permette di percepire una rendita fino al raggiungimento del requisito anagrafico richiesto per la pensione di vecchiaia; attualmente prevede un’età anagrafica di 67 anni. 


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata non ha finestre mobili, si percepisce dal momento dell’accettazione della richiesta da parte del fondo pensionistico fino al raggiungimento dell’età anagrafica prevista per la pensione di vecchiaia.

La rendita sarà erogata a seconda della scelta del richiedente e in base al capitale accumulato nel fondo (in modo frazionato in tutto o in parte).

In risposta alla nostra lettrice, non c’è nessuna attesa, una volta approvata la domanda dal fondo lei potrà percepire la rendita secondo la sua scelta. 

Questa misura permette anche dei vantaggi fiscali, per saperne di più consiglio di leggere qui la guida completa: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza