Pensione a 57 anni: possibile con 41 anni di contributi

-
22/12/2018

Quando si può fruire della pensione quota 41 per precoci in qualità di caregivers?

Pensione a 57 anni: possibile con 41 anni di contributi

Sono un artigiano di 57 , sono costretto a chiudere l’ attività nel 2019, essendo lavoratore precoce, posso usufruire della 104 avendo un famigliare invalido. Legge 232 del 2016. Grazie

 

Essendo un lavoratore precoce se è in possesso dei 41 anni (41 anni e 5 mesi, molto probabilmente, dal 2019) necessari per l’accesso, può pensionarsi con la quota 41 in qualità di caregivers se il familiare con 104 che assiste è il suo coniuge o un parente di primo grado convinvente.

In base, infatti, ai requisiti richiesti per accedere alla pensione quota 41 precoci sono necessari:

  • almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età
  • 41 anni di contributi nel 2018 (nel 2019 se non si bloccherà l’aumento dell’età pensionabile ne saranno necessari 41 anni e 5 mesi)
  • l’appartenenza a una della categorie tutelate (disoccupati, caregivers, invalidi, gravosi e usuranti).

Quota 41 precoci per caregivers

Per poter fruire della quota 41 in qualità di caregivers, infatti, non basta avere un familiare con handicap grave in base alla legge 104, ma come specifica il sito dell’Inps la misura è fruibile da: lavoratori dipendenti ed autonomi che assistono al momento della richiesta e da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104).

Leggi anche:Pensione quota 41 precoci: esiste una clausola che impone di rimanere un anno in più al lavoro?

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio