Pensione a 58, 64 e 66 anni: quali misure per la quiescenza?

-
20/03/2020

Quali possibilità di pensionamento ci sono per chi ha 58, 64 e 66 anni di età? Scopriamolo.

Pensione a 58, 64 e 66 anni: quali misure per la quiescenza?

Ancora molte le incertezze degli italiani sulla possibile data del pensionamento. Le misure in vigore, infatti, offrono diverse possibilità di quiescenza a chi è in possesso dei requisiti richiesti, ma non tutti, quindi, possono fruire di tutte le misure. Cerchiamo di capire, in base ai requisiti posseduti, quando è possibile accedere al pensionamento o al prepensionamento.

Pensione a 58, 64 e 66 anni

Procediamo a rispondere ai nostri lettori che ci hanno chiesto un consiglio in ambito previdenziale.

  • Io  ho 64 anni invalida al 100% 21 anni di lavoro quando posso andare in pensione  grazie 

Con l’invalidità riconosciuta al 100% e con 21 anni di contributi può accedere fin da subito alla pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi, ma solo se è (o è stato) dipendente del settore privato perchè la misura esclude i dipendenti del settore pubblico. La misura, infatti, prevede che possano accedere le donne con 56 anni e gli uomini con 61 anni se in possesso di almeno 20 anni di contributi ed invalidità riconosciuta di almeno l’80%.

  • Ho 66 anni  31 anni di lavoro  quando andrò in pensione grazie

Purtroppo con il suo requisiti contributivo non ci sono possibilità di prepensionamento e per la pensione, quindi, dovrà attendere di compiere i 67 anni di età.

  • Ho 58 anni con 34 anni di contributi versati. Ho perso il lavoro da dipendente dirigente  di azienda privata lo scorso 10 febbraio. Una ricollocazione alla mia età nel mondo del lavoro sarà difficile vista anche la situazione contingente del covid-2019 . Quando potrò andare in pensione?Grazie

Purtroppo con soli 34 anni di contributi non è possibile accedere ad un pensionamento anticipato. L’unica possibilità di prepensionamento che ha, rispetto alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età, è rappresentata dalla RITA ma solo se è titolare di un fondo previdenziale complementare. Può trovare maggiori informazioni leggendo l’articolo: Pensionamento con la RITA (5 o 10 anni prima): FAQ aggiornate


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus