Pensione a 65 anni: quali le alternative possibili

-
04/03/2020

Quali possibilità di pensionamento per un disoccupato di 65 anni che può vantare oltre 40 anni di contributi?

Pensione a 65 anni:  quali le alternative possibili

Quali sono le possibilità di accesso alla pensione per chi nel 2020 ha compiuto i 65 anni e possiede un buon numero di anni di contributi maturati? Vediamo il caso del nostro lettore, disoccupato, la cui moglie ci chiede quali sono le possibilità di quiescenza illustrando quali sono le possibilità di pensionamento.

Pensione a 65 anni

Una nostra lettrice, per conto del marito, ci chiede:

Buona sera, scrivo a nome di mio marito c’è qualche spiraglio per la pensione?

È nato nel 1955 ha iniziato a lavorare nel 1972 quindi a 17 anni presso una azienda metalmeccanica, lavorando gli sono stati versati i contributi fino a marzo 1986.Nel 2000 ha ripreso a versare i contributi come collaboratore di impresa presso una rivendita di tabacchi sino al 31 dic.2012 .
Ha beneficiato della legge amianto ( esposizione)e gli sono stati attribuiti 7 anni di contributi. Quando potrà accedere alla benedetta pensione? Ora non lavora. 
Grazie.

Suo marito con 65 anni di età e con circa 41 anni di contributi (considerando anche i 7 anni di maggiorazione per l’esposizione all’amianto) potrebbe accedere alla pensione fin da subito con due misure: la quota 100 e la  quota 41.

Per la pensione con la quota 100 suo marito può accedere fin da subito, avendo raggiunto abbondantemente i requisiti richiesti di 62 anni di età ed almeno 38 anni di contributi maturati. Non deve neanche attendere i 3 mesi per la decorrenza del trattamento pensionistico avendo raggiunto entrambi i requisiti da più di 3 mesi.

Suo marito, essendo un lavoratore precoce, può accedere al pensionamento anche con la quota 41 riservata, appunto, ai lavoratori precoci che rientrano in uno dei seguenti profili: disoccupato, caregiver, usurante, gravoso e invalido.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza, reddito di emergenza e cassa integrazione, dati boom per il Covid: novità e aggiornamenti Inps sugli ultimi pagamenti

Suo marito, essendo disoccupato, se ha finito di fruire dell’intera Naspi spettante da almeno 3 mesi, può presentare anche questa domanda di pensionamento che richiede, per l’accettazione, tempi più lunghi in quanto deve essere prima verificato il requisito precoce e solo in seguito accordata la possibilità di presentare domanda di pensione.

In entrambi i casi l’assegno pensionistico non prevede penalizzazioni e avrebbe, con entrambe le misure, lo stesso importo basandosi sullo stesso sistema di calcolo e sugli stessi anni di contributi.