Pensione all’estero, l’opzione per il rientro

-
06/01/2019

Pensione all’estero: regime opzionale riservato alle persone fisiche titolari di reddito di pensione che si trasferiscono o tornano in Italia dopo 5 anni.

Pensione all’estero, l’opzione per il rientro

Pensione all’estero, la L. 145/2018 prevede un regime opzionale riservato alle persone fisiche titolari di reddito di pensione erogato da un ente previdenziale estero che si trasferiscono o tornano in Italia dopo almeno 5 anni. Tale regime consente di tassare con un’aliquota forfettaria del 7% i redditi percepiti oltreconfine ed esenta dagli obblighi di compilazione del quadro RW e dal pagamento di Ivie e Ivafe.

Pensione: coinvolti cittadini italiani emigrati all’estero

Sono coinvolti quindi sia i cittadini italiani emigrati all’estero, sia soggetti di altra nazionalità che abbia stipulato con l’Italia un accordo per lo scambio di informazioni. La residenza deve essere stabilita in uno dei Comuni con popolazione fino a 20.000 abitanti situati nelle regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia.

Pensione all’estero, i posti migliori: una regione italiana batte i Caraibi