Pensione anticipata 10 anni prima dell’età pensionabile, ecco di cosa si tratta

-
10/07/2019

Pensione anticipata per i lavoratori che hanno perso il lavoro (disoccupati) con un anticipo di circa dieci anni dall’età pensionabile, ecco come.

Pensione anticipata 10 anni prima dell’età pensionabile, ecco di cosa si tratta

Esiste una forma di pensione anticipata per i lavoratori che hanno perso il lavoro (disoccupati) con un anticipo di circa dieci anni dall‘età pensionabile. Vediamo di cosa si tratta rispondendo al quesito di un nostro lettore. “Buongiorno, informazioni sulla RITA: scrivo a nome di mia moglie, descrivendo la sua situazione attuale: È disoccupata da 2 anni, non ha passato il concorso per lavorare presso il Comune come operatore scolastico, la beffa dopo circa 11 anni di supplenze. Adesso ha circa 23 anni di contributi, disoccupata, copie 62 anni il 16.03.1958.(é invalida del 46% inps). Alla luce di questo quadro che prospettive ci sono. Ringrazio anticipatamente della risposta. Cordiali saluti e buon lavoro”.

Pensione anticipata 10 anni prima per i disoccupati

Per i disoccupati è possibile anticipare l’età pensionistica fino a 10 anni tramite la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA), i requisiti richiesti per accedere, sono:

  • Cessazione dell’attività lavorativa;
  • Inoccupazione, successiva alla cessazione dell’attività lavorativa, per un periodo superiore a ventiquattro mesi;
    Raggiungimento dell ‘età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi;
  • Maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari;
  • Requisito contributivo minimo 20 anni.

Possono aderire tutti i disoccupati che si trovino in prossimità dell’età pensionabile per la pensione di vecchiaia, (circa 5 o 10 anni). 

L’istanza della rendita integrativa, va presentata al fondo pensione dove si sono versati i contributi. Ogni fondo si è adeguato a questa nuova forma di pensionamento anticipato.


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Per conoscere la convenienza di questa misura pensionistica, abbiamo redatto una guida che consigliamo di leggere: Pensione RITA, con 20 anni di contributi, calcolo e convenienza

Conclusione

Per aderire alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, bisogna aver aderito almeno cinque anni prima ad un fondo pensione. La domanda dev’essere inoltrata direttamente al Fondo di appartenenza. È possibile chiedere anche una simulazione dell’assegno che si potrà ricevere. Quindi, le consiglio di verificare se sua moglie ha aderito al fondo pensione e se sussistono i requisiti per poter fare domanda. 

Consiglio di leggere: Pensione RITA a 61 anni di età e 20 anni di contributi con il fondo Espero