Pensione anticipata con 41 anni di contributi, accesso dopo contratto da 1 o 3 mesi?

-
22/01/2020

La pensione con 41 anni di contributi, al momento, non è fruibile da tutti ma soltanto dai lavoratori precoci che rispettino determinati requisiti. Vediamo quali.

Pensione anticipata con 41 anni di contributi, accesso dopo contratto da 1 o 3 mesi?

La pensione quota 41 permette l’accesso alla pensione, indipendentemente dall’età con 41 anni di contributi ai lavoratori precoci che rientrino in una della cinque categorie tutelate, ovvero disoccupati, caregiver, invalidi, gravosi e usuranti. Vediamo in quali casi è possibile accedere da disoccupati.

Pensione con 41 anni di contributi

Un nostro lettore ci scrive:

Volevo porgere un quesito, sono un ex autonomo alcuni anni fa ho dovuto chiudere ditta, ho maturato 41 anni di contributi, se riuscissi a trovare lavoro per un periodo di 1 o 3 mesi alla cessazione di questo periodo, rimanendo disoccupato per 3 mesi, potrei usufruire di quota 41 disoccupato essendo anche precoce? Nel porgerle I più cordiali saluti spero in una risposta e se possibile più celere possibile grazie ancora

Innanzitutto per poter accedere alla pensione quota 41 è necessario rientrare nella categorie dei lavoratori precoci ed aver, di conseguenza, versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età. Se rientra nei lavoratori precoci, quindi, vediamo come può accedere alla pensione con 41 anni di contributi da disoccupato.

Se anche trovasse un’occupazione di 1 o 3 mesi è necessario che intervenga il licenziamento per concludere la stessa per poter accedere alla quota 41,. Se trovasse, infatti, un contratto a tempo determinato, non potrebbe accedere alla misura se questo si esaurisse per scadenza dello stesso.

La quota 41, infatti, richiede che il lavoratore disoccupato per licenziamento abbia terminato di fruire da almeno 3 mesi dell’intera Naspi spettante. Il lavoro che dovrebbe trovare, quindi, dovrebbe dare diritto, anche per durata, all’indennità di disoccupazione.


Leggi anche: Bonus casalinghe 2021: attesa per i decreti attuativi, requisiti e come funziona

Per potersi pensionare con 41 anni di contributi, quindi, ricapitolando, è necessario che:

  • abbia almeno 12 mesi di contributi derivanti da lavoro effettivi versati prima di compiere i 19 anni di età
  • deve risultare disoccupato a seguito di licenziamento
  • deve fruire dell’intera Naspi spettante e attendere 3 mesi per presentare domanda di pensione