Pensione anticipata con 64 anni di età e 20 di contributi, quella che pochi conoscono

-
08/07/2019

Pensione anticipata contributiva con 64 anni di età e 20 anni dicontributi, questa misura è poco conosciuta, ma permette di uscire prima dal lavoro.

Pensione anticipata con 64 anni di età e 20 di contributi, quella che pochi conoscono

Pensione anticipata con 64 anni di età, in pochi conoscono questa misura anche perchè ha requisiti restrittivi, vediamo di cosa si tratta analizzando le possibilità che ci sono di anticipare l’età pensionistica, rispondendo al quesito di un nostro lettore: Buongiorno, sono una donna di 61 anni con 27 anni di contributi. Potrei andare in pensione prima dei 67 anni con la legge Amato o con la legge Dini o con qualche altra scappatoia? Le sarei grata se vorrà rispondermi. Cordiali saluti

Pensione anticipata contributiva

È possibile accedere alla pensione anticipata contributiva con almeno 64 anni di età e un minimo di 20 anni di contributi versati.

L’anzianità contributiva dev’essere interamente successiva al 1° gennaio 1996, e viene corrisposta in base a soli contributi effettivi e non figurativi. Inoltre, p richiesto anche un requisito di carattere economico che consiste se la prima rata di pensione superi i 2,8 volte l’importo sociale. Nel 2019 l’assegno sociale è pari a 457,99 euro. Quindi, la rata dovrà essere superiore a 1283,37 euro.

Per le altre deroghe alla legge Fornero l’età pensionistica resta ferma a 67 anni e in alcuni casi a 71 anni di età.

Pensione prima dei 67 anni è possibile l’accesso con la RITA

E’ possibile anticipare l’età pensionistica di 5 anni con la Rendita integrativa Temporanea Anticipata. Questa misura non è per tutti, bisogna aver maturato almeno cinque anni in un fondo pensionistico. Per i disoccupati è possibile l’anticipo anche di 10 anni prima dei 67 anni.


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

Rita: requisiti

Analizziamo i requisiti richiesti:

La circolare Covip n. 888 specifica i requisiti richiesti per accedere al pensionamento anticipato con la RITA, ed esattamente: 

  • bisogna cessare l’attività lavorativa;
  • requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i cinque anni successivi alla cessazione dell’attività lavorativa;
  • è richiesta la maturazione, alla data di presentazione della domanda di accesso alla RITA, di un requisito contributivo complessivo di almeno venti anni nei regimi obbligatori di appartenenza;
  • è richiesta la maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari.

RITA per i disoccupati

Per i lavoratori disoccupati di lunga durata sono richiesti i seguenti requisiti: 

  • cessazione dell’attività lavorativa;
  • inoccupazione, successiva alla cessazione dell’attività lavorativa, per un periodo superiore a ventiquattro mesi;
    requisito anagrafico richiesto per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i dieci anni successivi al compimento del termine di cui alla lett. b);
  • maturazione di cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari.

Conclusione

Purtroppo, non ci sono molte possibilità di pensionamento prima dei 67 anni se non si è maturato un requisito contributivo adeguato.