Pensione anticipata con Fondi pensione e 20 anni di contributi, la convenienza

-
14/12/2018

Con 20 anni di contributi, conviene uscire dal lavoro con la pensione RITA? Tutte le informazioni utili secondo la normativa vigente.

Pensione anticipata con Fondi pensione e 20 anni di contributi, la convenienza

Pensione anticipata RITA: Salve chiedo info, su anticipo pensionistico ho 21 anni di contributi esono iscritto al fondo espero dal 2006(12anni) cosa mi consigliate di fare (eta’61 anni data di nascita 09/1957) . Si ringrazia x la cortese attenzione.

Rendita Integrativa Temporanea Anticipata – RITA

la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata è una soluzione per andare in pensione anticipata quando non si hanno molti contributi accumulati, come nel suo caso. Io le consiglio di valutare quest’opzione, molto dipendente anche dal valore monetario dei contributi versati. Penso sia possibile, fare in via preventiva un calcolo dell’assegno pensionistico e valutare la convenienza in base alle sue esigenze. Contatti il fondo Espero e faccia esaminare il suo caso.

Agevolazioni fiscali aderendo alla RITA

Accedendo alla Rita si beneficia di un regime fiscale particolarmente agevolato. La ritenuta da versare al fondo è pari al 15%, per ogni anno di partecipazione al fondo scatta una riduzione pari allo 0,30%, fino a toccare una aliquota piccola pari al 9%.

Vista sotto questi aspetti, la Rita va considerata come quell’originalità dalla molteplici potenzialità. Resta da dire che il suo limite è relativo all’utilizzo del fondo, ciò vuol dire che chi ha accumulato nel fondo un rilevante montante contributivo riceva un beneficio considerevole.

Le lascio qui un articolo con tutte le informazioni: Pensione RITA a 61 anni di età e 20 anni di contributi con il fondo Espero

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio


Leggi anche: Pensioni, con i fondi integrativi fino a 10 anni di anticipo: ma il sistema fatica a decollare