Pensione anticipata con lavoro usurante o con 42 anni e 10 mesi di contributi?

-
01/08/2019

Non sempre chi ha iniziato a lavorare presto può accedere alla quota 41 precoci, l’alternativa resta sempre la pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi.

Pensione anticipata con lavoro usurante o con 42 anni e 10 mesi di contributi?

A riprova della scarsa fiducia che i cittadini, ormai, ripongono nelle attuali normative per accedere al pensionamento, sempre più spesso ci arrivano mail di cittadini molto giovani che chiedono la data presunta del proprio pensionamento. Questo a dimostrazione del fatte che, se un tempo si cercava di rimanere al lavoro il più a lungo possibile, la crisi che da oltre un decennio ha colpito l’Italia sta facendo in modo che i contribuenti smanino per andare in pensione e assicurarsi, quindi, un reddito fisso. Un nostro lettore ci chiede:

Buongiorno sono un macellaio, ho 48 anni, ho cominciato a lavorare all’età di 14 anni segnato regolarmente fino a tutt’oggi. Mi chiedo, sono 34 anni che lavoro e 34 di contributi, a che età potrò smettete di lavorare? Rientro in quelli che andrà con la pensione anticipata? Il mio e un lavoro usurante?. Grazie 

Pensiona anticipata o con lavoro usurante?

Purtroppo, mi duole scriverglielo, il macellaio non rientra nei lavori usuranti. Questo, quindi, le preclude la possibilità di poter accedere, pur essendo lei un lavoratore precoce, alla pensione con la quota 41 con la qualifica di usurante.

Con la sua giovanissima età e il suo montante contributivo già abbastanza elevato, ha la possibilità, però, di accedere alla pensione anticipata con requisiti Fornero entro 9 anni. Alla maturazione dei 42 anni e 10 mesi di contributi, con l’attesa di 3 mesi per la decorrenza della pensione dal raggiungimento del requisito contributivo, infatti, potrà accedere alla pensione anticipata all’età di 57 anni.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19