Pensione anticipata e di vecchiaia, nuove modalità di accesso anticipato, tutte le novità

-
17/06/2018

Il D.M. Lavoro pubblica le nuove modalità di accesso alla pensione anticipata o di vecchiaia, ecco tutte le novità.

Pensione anticipata e di vecchiaia, nuove modalità di accesso anticipato, tutte le novità

Il D.M. Lavoro 18.04.2018 ha stabilito che per accedere alla pensione di vecchiaia o a quella anticipata 5 mesi prima del raggiungimento dei requisiti è necessario presentare contemporaneamente la domanda di pensionamento e la certificazione dell’attività svolta.

Potranno beneficiare di tale situazione i dipendenti che svolgono da almeno 7 anni nei 10 anteriori al pensionamento una o più delle 15 lavorazioni elencate dal D.M. Lavoro 5.02.2018 e gli addetti a lavorazioni usuranti.

L’elenco completo dei lavori usuranti e gravosi: Pensione anticipata lavori gravosi e usuranti, arrivano importanti novità per il 2019

pensione precoci modulo AP116Modello AP116 da presentare per i lavori gravosi 

L’Inps pubblica il nuovo modulo AP116 con tutte le attività lavorative. Ricordiamo che la legge di bilancio 2018 ha esteso le categorie dei lavoratori gravosi, da 11 sono passate a 15. Per effetto di questa importante novità l’attestazione del datore di lavoro in relazione alle attività lavorative (modulo AP116) è stato aggiornato. Troverai tutte le informazioni qui: Pensione APE Sociale: modulo AP116 aggiornato con le nuove attività lavorative

Modulo AP45 da presentare per i lavori usuranti

Domanda di riconoscimento dei benefici relativi allo svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti – Perfezionamento requisiti entro il 31 dicembre 2019

La domanda di certificazione per il riconoscimento del beneficio e la relativa documentazione vanno presentate all’Istituto utilizzando la procedura telematica a disposizione dei cittadini o degli enti di patronato, ferma restando la possibilità di utilizzare il modulo AP45 reperibile sul sito internet www.inps.it nella sezione moduli.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa