Pensione anticipata e TFS: tempi e modalità di fruizione

-
27/11/2019

TFS dipendenti pubblici: tempi e modalità di pagamento per i lavoratori che hanno scelto la pensione anticipata, i chiarimenti.

Pensione anticipata e TFS: tempi e modalità di fruizione

I dipendenti pubblici ricevono il TFS in tempi lunghi e in rate a differenza dei dipendenti del settore privato. Un lettore ci pone la seguente domanda: Buonasera, io sono andata in pensione anticipata  pubblica amministrazione con 43 anni e 9 mesi ad agosto 2019 con la legge Fornero, la mia domanda è: con quale banca posso avere l’anticipo  TFS ? O non c’è nessuna normativa in atto?  Se è così quando maturerò i requisiti per avere il TFS?  Grazie! 

Analizziamo le domande poste con una breve panoramica sui tempi di fruizione del Trattamento fine servizio per i dipendenti pubblici

Anticipo TFS nel decreto-legge n. 4/2019

L’anticipo del trattamento fine servizio per i dipendenti pubblici è stato previsto nel decreto-legge n. 4/2019, insieme alla quota 100. Al momento la misura è ferma, manca l’accordo tra le banche aderenti e l’Inps. L’anticipo prevede la possibilità di chiedere sotto forma di finanziamento a tassi agevolati un tetto massimo di TFS pari a euro  45.000.

Tempi di erogazione per i lavoratori in pensione

L’importo del TFS è diviso in rate oltre ai tempi di attesa che superano i 24 mesi. Infatti, i tempi di attesa sono sempre superiore ai 12 mesi, tranne nei casi di inabilità lavorativa o decesso.


Leggi anche: Fondo perduto perequativo, ultime notizie: domanda entro il 28/12

Elenco delle rate e i tempi di erogazione:

  • in caso di decesso o inabilità lavorativa il TFS viene erogato entro 105 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro;
  • cessazione del rapporto di lavoro per pensionamento: non prima di 12 mesi;
  • negli altri casi di cessazione del rapporto di lavoro: non prima dei 24 mesi.

Inoltre, a questi periodi va sommato altri tre mesi che l’Inps impegna per il disbrigo della pratica e la liquidazione della somma dovuta. Inoltre, l’importo viene suddiviso in rate nel modo seguente:

  • per un ammontare complessivo lordo pari o inferiore a 50.000 euro, versamento in un’unica soluzione;
  • per un ammontare complessivo lordo è superiore a 50.000 euro e inferiore a 100.000 euro  in due rate annuali, di cui la prima è di 50.000 euro e la seconda dell’importo residuo;
  • per un ammontare  complessivo lordo è superiore a 100.000 euro, in tre rate annuali, di cui la prima e la seconda rata entrambe di euro 50.000, la terza dell’importo residuo.

Quindi, nel caso esposto, trattandosi di dimissioni volontarie per accedere alla pensione anticipata l’attesa è di 24 mesi, tenendo anche conto di ulteriori tre mesi da aggiungere che l’Inps impegna per il disbrigo delle pratiche burocratiche. 

Per approfondimenti: TFR dipendenti pubblici: quando verrà pagato?