Pensione anticipata o Quota 41 con o senza vincoli? Le due strade

-
07/03/2020

Dubbi e criticità sulla pensione anticipata o la Quota 41, quale misura è consigliata e quale no? Alcuni chiarimenti in base alle domande dei lettori.

Pensione anticipata o Quota 41 con o senza vincoli? Le due strade

Eccoci con l’appuntamento costante sulla pensione anticipata, che in base alle riforme susseguitasi nel tempo,  desta molte preoccupazioni e dubbi nei lavoratori. La strada del pensionamento è lunga e tortuosa e noi nel nostro piccolo cerchiamo di aiutare a trovare la giusta misura in base ai requisiti di una carriera lavorativa. Analizziamo oggi due casi sulla possibilità di uscire prima dal lavoro con Quota 41, pensione anticipata e la rendita. 

Pensione anticipata a 56 anni e contributi versati in due casse previdenziali

Buongiorno,  vorrei avere dei chiarimenti in merito ai miei contributi versati 22 anni di cui 14 da commerciante e 8 da dipendente, e avendo 56 anni di età, quando posso andare in pensione. Grazie

La pensione di vecchiaia si raggiunge all’età di 67 anni con un  minimo di 20 anni di contributi, ricordiamo che questa misura è adeguata all’aspettativa di vita. Per il pensionamento anticipato se per tempo ha contratto un fondo pensione e ha versato un minimo di 5 anni di contributi può accedere alla RITA 5 anni di anticipo all’età della pensione di vecchiaia, quindi attualmente a 62 anni.

Con 42 e 10 mesi di contributi (uomo ) e 41 e 10 mesi (donna), può accedere alla pensione anticipata indipendentemente dall’età anagrafica.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Per accedere alle misure pensionistiche deve comunque operare il cumulo contributivo e conferire i contributi in un’unica cassa previdenziale per raggiungere il requisito contributivo richiesto.

Per maggiori chiarimenti su come operare il cumulo contributivo consiglio di leggere: Contributi di lavoro dipendente e autonomo: cumulo gratuito e pensione

Pensionamento lavoratore precoce

Buonasera, 48 anni e ho iniziato a lavorare a 14 anni sempre in regola con 34 anni di contributi.
quando potrò andare in pensione ? Grazie

Lei è un lavoratore precoce in quanto ha iniziato a lavorare prima del compimento del diciannovesimo anno di età. I lavoratori precoci possono accedere alla Quota 41, ma ci sono dei vincoli ben precisi. È richiesto un requisito contributivo di 41 anni indipendentemente dall’età anagrafica e l’appartenenza ad una delle seguenti tutele:

  • disoccupato che da 3 mesi ha finito di percepire la naspi;
  • lavoratore invalido con una percentuale del 74%;
  • lavoratore caregiver che almeno da 6 mesi assiste il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3);
  • lavoratore che svolge mansioni usuranti.

Per approfondimenti consigliamo di leggere: Pensione Quota 41 con lavoro precoce anche nel 2020

Si parlava che nel 2020 doveva essere approvata la Quota 41 per tutti senza paletti e limiti, ma al momento questa ipotesi è stata del tutto abbandonata. 

Oppure, può accedere alla pensione anticipata con 42 e 10 mesi (uomini) o 41 e 10 mesi (donne), indipendentemente dall’età anagrafica.

In entrambi le misure pensionistiche è prevista una finestra di tre mesi dalla maturazione dei requisiti