Pensione anticipata Opzione donna nel 2019 anche per le lavoratrici autonome?

-
18/08/2018

Pensione anticipata Opzione donna per le lavoratrice autonome che raggiungono i requisiti oltre il 2019, è possibile fare domanda?

Pensione anticipata Opzione donna nel 2019 anche per le lavoratrici autonome?

Pensione anticipata Opzione donna per le lavoratrici autonome, le domande di una nostra lettrice:

Visto che si ventila nuovamente la possibilità della Proroga Opzione Donna nel 2019,nchiedo cortesemente informazioni.

Sono un artigiana autonoma, titolare fino al 31.12.2017 di una impresa artigiana di ceramica, chiusa al 31.12.2017.

A tale data ho maturato 33 anni di contributi pagati,ed ho 53 anni compiuti(sono del 1965).

Se l’opzione donna venisse ripristinata dovrei, sembra di capire, attendere i 58 anni di età (nel 2023), con 35 anni di contributi pagati.

Perciò potrei pagare i due anni mancanti con contributi volontari. E’ esatto tutto questo?.Adesso resta solo di aspettare che tutto questo divenga legge oppure c’è qualcosa che mi sfugge? Chiedo cortesemente informazioni in merito. Grazie e cordiali saluti.

pensione contributi volontariAnalizziamo i requisiti previsti per l’Opzione donna

L’Opzione donna qualora prorogata, consentirebbe alle donne lavoratrici dipendenti e autonome nate nell’ultimo trimestre del 1958 che siano in possesso di determinati requisiti contributivi di 35 anni, di accedere alla pensione anticipata,  accettando l’assegno pensionistico calcolato solo con il  metodo contributivo con conseguente penalizzazione in termini di soldi.

Nel 2019 cambia il requisito dell’età, le donne dipendenti dovranno avere un’età anagrafica di 57 anni e 7 mesi; mentre le donne con lavoro autonomo dovranno avere un’età anagrafica di 58 anni e 7 mesi d’età. Resta invariato il requisito contributivo di almeno 35 anni di contribuzione versati.

Se venisse accettato con la proroga l’emendamento del deputato Rizzetto,  prevedono la proroga del raggiungimento dei requisiti contributi e anagrafici fino al 31 dicembre 2019. Quest’emendamento, se accettato aumenterà la platea degli aventi diritto, permetterebbe di far accedere anche le nate nel 1961 – 1962.


Leggi anche: Assegno invalidità (legge 222 del 12 giugno 1984)

Per chiarimenti leggi: Pensione anticipata Opzione donna, l’emendamento Rizzetto sarà applicato?

Conclusioni

L’Opzione donna non è istituzionale, quindi anche se venisse prorogata avrà valore solo per il 2019, per poi essere considerata anno per anno.

Quindi al momento lei non potrà aderire anche se ci fosse la proroga per mancanza dei requisiti, per il 2023 anno in cui lei raggiungerebbe il requisito per età, tutto può cambiare e non si sa se questa misura sarà prorogata ancora.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]