Pensione anticipata precoci: quando si può accedere e che alternativa ci sono

Buongiorno! Sono nato nel 1961 e da maggio del 1976 ho iniziato a lavorare, faccio presente che  ho sempre lavorato pagando regolarmente i contributi  ho saputo che chi nel 1995 aveva pagato per un intero anno di lavoro (prima che questi avesse compiuto i 19 anni di lavoro) avrebbe diritto al pensionamento precoce ora vorrei fare presente che io a quella data ero dentro in pieno ed in più vorrei farle presente che al 31 dicembre del 2018 ho 42 anni e 3 mesi interamente versati, ho sempre fatto L”autista di camion a febbraio compio 58 anni  e garantisco che sono  stufo di lavorare  vorrei sapere se posso andare subito in pensione, visto che quando avevo cominciato a lavorare mi avevano detto che per meritarsi la pensione bastavano 35 anni di lavoro, ora capisco anche che i tenore di vita è aumentato, però da 35 anni  potevano portarlo a 38… massimo  40 ma non così tanti anni in più ( 7 E TRE MESI), infine io i miei contributi li ho sempre pagati fino ad oggi  credo sia giusto che mi diano la mia meritata pensione, e se l”inps  e lo stato reclamano che non ci sono i soldi  devono andare a prenderseli da chi con 16 anni 6 mesi e 1 giorno sono andati in pensione ,ne conosco una ventina di persone( abitano nella mia zona) che a 35 anni  sono andate in pensione Grazie per avervi ascoltato e aspetto  sue notizie positive! 

Pensione precoci quando?

I lavoratori precoci che rientrano in determinate categorie possono accedere al pensionamento con 41 anni di contributi grazie alla quota 41. Per accedere alla quota 41 occorrono 41 anni di contributi, almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età e l’appartenenza ad una delle seguenti categorie di lavoratori:

  • disoccupati
  • caregivers
  • invalidi
  • gravosi
  • usuranti

Se non appartiene ad una delle categorie sopra elencate, purtroppo non può accedere alla quota 41 e in alternativa il pensionamento può raggiungerlo con la pensione anticipata requisiti Fornero che dal 1 gennaio 2019 richiede 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne. Se, però, nel decreto della quota 100 dovesse essere riportato anche il blocco dell’aumento dell’età pensionabile i requisiti di accesso alla pensione anticipata rimarrebbero invariati rispetto al 2018 e richiederebbero 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne. In questo caso, quindi, fra 7 mesi potrebbe accedere alla pensione.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

 

Patrizia Del Pidio

Scrivere per me è una passione fin da quando ero bambina: scrivere è la mia libertà, è essere me stessa. Scrivere è pagare in prima persona i propri sbagli perchè "verba volant, scripta manent" e tutto ciò che si lascia scritto, nero su bianco, lascia un segno. Scrivere è creare un'emozione in chi legge... Scrivere è il mio sogno, NotizieOra la sua realizzazione.