Pensione APE Sociale, ci sarà la proroga nel 2019?

-
25/03/2018

Pensione anticipata APE Sociale, in molti si chiedono se ci sarà la proroga per il 2019, la legge di Bilancio ha istaurato il fondo Speciale, sarà considerato?

Pensione APE Sociale, ci sarà la proroga nel 2019?

La pensione Ape Sociale, è stata attuata in via sperimentale, e se non sarà prorogata termina al 31 dicembre 2018. La proroga è stata prevista per l’APE Volontario fino al 31 dicembre 2019. Ricordiamo che l’Ape Volontario è un anticipo pensionistico che consente di consente di ottenere un anticipo della pensione ma con la restituzione a rate dell’assegno pensionistico ricevuto.

Il dibattito nasce su cosa deciderà il nuovo governo prorogare o stabilizzare le due misure introdotte con la Riforma pensioni 2017.

Pensione Ape Sociale e il Fondo Speciale

In riferimento all’Ape Sociale e la sua proroga, nella Legge di Bilancio 2018 è stato previsto un Fondo Speciale per l’APE nel quale confluiranno i risparmi maturati con l’obiettivo di prorogare la possibilità sino al 31 dicembre 2019 (per l’estensione temporale servirà però un provvedimento legislativo).

La misura riporta che il fondo avrà dotazione nei vari anni, i seguenti importi:

  • nel 2019 circa 17,4 milioni di euro;
  • nel 2020 circa 12,1 milioni di euro;
  • nel 2021 circa 14,4 milioni di euro;
  • nel 2022 circa 6,6 milioni di euro;
  • nel 2023 circa 7,9 milioni di euro;
  • nel 2024 circa 5 milioni di euro.

Molti i cittadini che sperano nel rinnovo dell’APe Sociale, in molti non riusciranno ad aderire per via dei troppi vincoli e criticità. 

Le novità della legge di Bilancio 2018

Ricordiamo che la legge di Bilancio 2018 ha apportato delle modifiche importanti all’APE Sociale, elenchiamo tutte le novità in sintesi:

  • ampliate da 11 a 15 le categorie di lavori gravosi (le 4 aggiuntive sono i lavoratori che prestano servizio presso impianti siderurgici, i braccianti agricoli, i lavoratori marittimi e i pescatori);
  • estensione della possibilità accesso a chi assiste un familiare entro il 2° grado;
  • estensione a disoccupati per la scadenza di un contratto a termine a condizione che sussistano almeno 18 mesi di lavoro dipendente negli ultimi 3 anni;
  • riduzione requisito contributivo per le lavoratrici madri di un anno per ogni figlio entro massimo di due anni (28 anni di contributi anzichè 30 o 34 anni se rientrano nei lavori gravosi invece che 36).

Domanda pensione APE Sociale entro il 31 marzo

I soggetti che hanno i requisiti per accedere all’Ape Sociale, devono inoltrare domanda entro il 31 marzo 2018.

Le domande, sia di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE sociale, sia di accesso al beneficio, devono essere indirizzate alle sedi territoriali Inps di competenza e presentate in modalità telematica utilizzando i consueti canali istituzionali.

La domanda può essere presentata direttamente con l’accesso PIN Inps o tramite un patronato.

Per maggiore informazioni sui requisiti e su come presentare la domanda, consigliamo di leggere: Pensione Ape Sociale: la domanda entro il 31° marzo 2018