Pensione con 11 anni di contributi: fondo casalinghe o che altro?

-
13/09/2019

Quali possibilità di pensionamento ci sono con 11 anni di contributi? E’ possibile utilizzare il fondo casalinghe?

Pensione con 11 anni di contributi: fondo casalinghe o che altro?

Non sempre è facile comprendere la normativa che regola il sistema previdenziale italiano e quando, con meno di 20 anni di contributi, non si riesce ad aver diritto all’accesso alla pensione di vecchiaia si ricercano altre vie per un pensionamento dignitoso. Sono in molti a scriverci per sapere se hanno diritto all’accesso ad una pensione con i contributi in possesso, ma purtroppo le misure che permettono il pensionamento di vecchiaia con meno di 20 anni di contributi sono davvero poche e richiedono, in ogni caso, dei requisiti molto particolari.

Pensione con 11 anni di contributi

Una nostra lettrice ci scrive:

Buona sera.  Ho 62 anni e ho maturato contributi per 11 anni lavorativi. Vorrei sapere, per favore, se è possibile con questi contributi versati, ottenere la pensione delle casalinghe, o perlomeno farli valere senza contribuire ulteriormente?

Purtroppo i contributi versati nell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori non possono essere utilizzati per ricevere una pensione nel fondo casalinghe che richiede, appunto, il versamento dei contributi da parte della persona non retribuita che si occupa di cura familiare nel fondo stesso. Avendo lei maturato 11 anni di contributi derivanti da lavoro non può usare gli stessi per accedere alla pensione del fondo casalinghe.

Purtroppo per accedere alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni sono necessari almeno 20 anni di contributi maturati. Con meno di 20 anni di contributi c’è la possibilità di accedere alle pensioni quindicenni (che richiedono almeno 15 anni di contributi maturati) o alla pensione di vecchiaia contributiva.


Leggi anche: Pensioni anticipate e quota 41 per i precoci: i requisiti a oggi, ma l’allargamento nel 2022 è a rischio

Nel suo caso, avendo versato soltanto 11 anni di contributi l’unica alternativa di pensionamento è con la misura di vecchiaia contributiva a cui può accedere, però, soltanto se i suoi 11 anni di contributi sono stati versati dopo il 31 dicembre 1995.

Questa misura, essendo un pensione contributiva, infatti, richiede che i contributi ricadano interamente nel sistema contributivo, introdotto dal 1 gennaio 1996.

La pensione di vecchiaia contributiva, a cui si accede al compimento dei 71 anni richiede un minimo di 5 anni di contributi e che non si possiedano contributi versati prima del 1 gennaio 1996.

Se rientra in questi requisiti può accedere, al compimento dei 71 anni alla pensione di vecchiaia contributiva. In alternativa per poter accedere ad una pensione ha bisogno del versamento di ulteriori 9 anni di contributi (che potrebbe effettuare facendosi autorizzare al versamento dei volontari).