Pensione con 15 e 20 anni di contributi possibile anche a 57 o 62 anni, le FAQ dei lettori

-
02/03/2020

Risposte alle domande di pensione dei nostri lettori di Facebook per accedere al pensionamento con 15 – 20 anni di contributi e con un’età che va da 57 a 62 di età e oltre.

Pensione con 15 e 20 anni di contributi possibile anche a 57 o 62 anni, le FAQ dei lettori

Dopo la pubblicazione di un nostro articolo sulla pensione con 20 anni di contributi, ci sono arrivate molte richieste da Facebook, alcuni hanno posto la domanda come commento sotto l’articolo, altri ci hanno scritto in privato. Consigliamo sempre di inviarci una mail a: [email protected], abbiamo creato questo canale riservato ai nostri lettori per cercare di rispondere ai loro dubbi e domande.  Analizziamo le domande e le risposte ai  nostri lettori sul pensionamento.

Pensione con 20 anni di contributi

Io ho 66 anni e 4 mesi ho 22 anni di contributi e ancora non mi fanno andare in pensione aspettano che le persone muoiano!!

Lei potrà accedere alla pensione di vecchiaia al compimento di 67 anni con un minimo di 20 anni di contributi, a qualsiasi titolo versati (volontari, obbligatori, da riscatto, ecc.). Alla maturazione dei requisiti bisogna presentare domanda all’Inps telematicamente, in modo diretto tramite il portale Inps con le credenziali dispositive o presso un patronato.

Pensione con 15 anni di contributi

Scusate io ho 15 anni di contributi è nel 2003 ho finito il mio rapporto di lavoro presso l’azienda ospedaliera locale ( con contratto a tempo determinato.). Da quel di non sono riuscita a trovare un lavoro con messa in regola. Considerando che ho 63 anni. Devo sperare in una morte improvvisa perché credo di non avere nessun’altra alternativa. Mi chiedo perché lo stato non pensa anche a noi ? Non credo di essere la sola in Italia ad essere in questa situazione. Ci dessero un lavoro per arrivare a 67 anni. Potete darmi un parere in merito. Grazie. Spero di essere stata chiara !


Leggi anche: Fondi pensione e previdenza integrativa sempre più importanti: cosa sono, come funzionano

Quindici anni di contributi sono pochi, ma esistono tre  deroghe alla legge Fornero che permettono di accedere al pensionamento anche con solo 15 anni di contributi, come tutte le cose hanno dei requisiti stringenti.

  • prima deroga: è necessario aver versato tutti i contributi prima del 1992;
  • la seconda deroga Amato prevede l’accesso per chi è stato autorizzato al versamento dei volontari entro il 1992, anche se non ha pagato, l’importante che abbia fatto richiesta del versamento dei contributi volontari entro tale data;
  • terza deroga: permette il pensionamento a chi ha un’anzianità contributiva per chi ha un contributo versato almeno 25 anni fa prima della maturazione dei requisiti per la pensione (un’anzianità assicurativa di 25 anni),  15 anni di contributi, almeno 10 anni in cui non ha raggiunto le 52 settimane di contribuzione (questo parametro si riferisce alle carriere discontinue).

Poi esiste anche l’opzione Dini, sempre con un requisito contributivo di  15 anni che permette il pensionamento a chi esercita l’opzione contributiva essendo in possesso dei seguenti requisiti:

  • meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996
  • almeno 1 contributo versato prima del 1996
  • almeno 5 anni di contributi versati dopo il 31 dicembre 1995
  • almeno 67 anni di età
  • almeno 15 anni di contributi versati.

Le consiglio di verificare se rientra in una di queste deroghe, comunque deve attendere il compimento dell’età di 67 anni.

Pensione a 63 anni e 28 di contributi

Io ho 63 anni e 28 di contributi e sono rimasta vedova da poco ma tutt’ora lavoro posso andare in pensione grazie se mi risponderai buona giornata

Lei al momento può accedere al pensionamento con la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata se ha aderito ad un fondo pensione. I requisiti richiesti per chi ancora lavora sono:


Potrebbe interessarti: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

  •  Cessazione del rapporto di lavoro (autonomo o dipendente)
  • Non più di 5 anni alla maturazione dell’età per la pensione di vecchiaia (accessibile dal 2020 a 62 anni)
  • Requisito contributivo minimo di 20 anni
  • 5 anni di partecipazione al sistema di previdenza complementare.

Questa al momento è l’unica forma pensionistica che prevede l’uscita anticipata. Per approfondire l’argomento su questa misura, le consiglio di leggere: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa

Pensione casalinghe

Sono cumulabili i contributi versati nel fondo casalinghe con quelli provenienti da lavoro autonomo/dipendente, ai fini pensionistici?

No, la normativa non prevede il cumulo, in quanto si tratta di un fondo specifico per le casalinghe.

Pensione a 41 anni di età e mansione lavorativa pesante

Buongiorno, mi servirebbe sapere con 20 anni di contributi e 41 anni di età e come mestiere faccio il pasticcere dalle 4 la mattinata alle 12 quando mi spetterebbe andare in pensione come età

Non esiste nessuna forma pensionistica anche svolgendo una mansione lavorativa gravosa e pesane che permette il pensionamento anticipato con 41 anni di età. Il consiglio che le posso dare, visto che per la pensione ci vuole ancora tempo, le conviene aderire ad un fondo previdenziale complementare che nel tempo le può dare molti vantaggi, anche l’uscita anticipata dal lavoro con la RITA.