Pensione con 16 anni di contributi: in quali casi?

Buongiorno, mia madre ha 67 anni e 8 mesi e 16 anni di contributi. Può andare in pensione? Che possibiltà ha in caso negativo?
 
Grazie per la vostra disponibiltà ed attenzione.
 
Per accedere alla pensione di vecchiaia occorrono 20 anni di contributi altrimenti la quiescenza è negata. Vi sono però alcune deroghe alla legge Fornero che permettono il pensionamento con soli 15 anni di contributi e si tratta delle 3 deroghe Amato e della deroga Dini che le andrò ad illustrare di seguito. Starà poi a lei capire se sua madre potrà accedere alla pensione di vecchiaia, sempre con 66 anni e 7 mesi, attraverso una delle deroghe descritte.
 

In pensione con 15 anni di contributi: 1° deroga Amato

La prima deroga Amato alla legge Fornero prevede la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia con 66 anni e 7 mesi di età e soli 15 anni di contributi  (780 settimane) solo se queste sono state accreditate prima del 31 dicembre 1992. Per il conteggio dei contributi sono utili tutti i tipi di contributi, siano essi obbligatori, volontari, figurativi o da riscatto, così come possono essere utilizzati anche quelli versati all’estero. Possono beneficiare della deroga i lavoratori iscritti al Fondo lavoratori dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’Inps. La deroga si applica anche agli iscritti ex Inpdap, ex Enpals, ex Ipost.

2° deroga Amato per pensionarsi con 15 anni di contributi

La seconda deroga Amato alla legge Fornero, invece, permette di pensionarsi con 66 anni e 7 mesi di età e 15 anni di contributi solo a quei lavoratori che sono stati autorizzati al versamento dei contributi volontari prima del 31 dicembre 1992. Non è importante, in ogni caso, che siano stati versati contributi volontari ma solo che sia stata ottenuta l’autorizzazione e anche in questo caso nel conteggio dei 15 anni di contributi sono validi tutti i tipi di contributi.

La deroga vale per i lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria dell’Inps e per gli iscritti ex Enpals ma non per gli ex Inpdap e gli ex Ipost.

In pensione con 15 anni di contributi con la 3° deroga Amato

La terza deroga Amato è forse la più complessa e prevede il pensionamento con 15  anni di contributi e 66 anni e 7 mesi di età per i soli lavoratori dipendenti iscritti all’Ago in possesso dei seguenti requisiti:

  • anzianità contributiva di 25 anni (il primo contributo versato, quindi, deve essere stato versato almeno 25 anni prima)
  • 15 anni di contribuzione derivanti solo da lavoro effettivo dipendente (non valgono contributi figurativi, da riscatto, volontari ecc…)
  • almeno 10 anni lavorati per periodi inferiori alle 52 settimane; non sono considerati gli anni lavorati interamente in cui risultano meno di 52 contributi settimanali

In pensione con 15 anni di contributi con la deroga DINI

E’ possibile accedere alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi anche con la deroga prevista nella Legge Dini che però prevede una penalizzazione della pensione che sarà calcolata interamente con l’opzione contributiva.

I requisiti per beneficiare di questa deroga sono di

  • possedere meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995
  • avere almeno un contributo accreditato prima del 31 dicembre 1995
  • avere almeno 5 anni di contributi accreditati dopo il 1996

Con l’entrata in vigore della Legge Fornero dal 2011 si distingue se:

  • i requisiti per l’esercizio della facoltà di opzione contributiva siano stati maturati entro il 31 dicembre 2011
  • i requisiti siano stati maturati dopo il 31 dicembre 2011

Nel primo caso l’opzione è riconosciuta, nel secondo si applicano i requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata previsti per i lavoratori in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.

 
 
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]
Pensione con 16 anni di contributi: in quali casi? ultima modifica: 2018-10-18T18:26:16+00:00 da Redazione NotizieOra

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.