Pensione con 16 anni di contributi: per alcuni ma non per tutti

-
16/03/2020

E’ possibile accedere alla pensione con meno di 20 anni di contributi? Vediamo per chi e con quali requisiti.

Pensione con 16 anni di contributi: per alcuni ma non per tutti

La legge Amato permette, in deroga alla legge Fornero, di accedere al pensionamento al compimento dei 67 anni con soli 15 anni di contributi ma soltanto a chi è in possesso di precisi requisiti contributivi. Cerchiamo di capire ci può accedere al pensionamento con meno di 20 anni di contributi.

Pensione con 16 anni di contributi

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno, sono una donna di 66 anni/ 67 a novembre, in passato , cioè molto tempo fa, ho lavorato e sono stati versati contributi che da un controllo fatto attraverso un conoscente, risultano relativi a soli 15/16 anni perché poi ” purtroppo ” ho lavorato sempre ma il meglio che mi è capitato è stato quello che ” sei vuoi sopravvivere prendi quello che capita”. A parte questo, ora come ora sono mio malgrado senza lavoro e con un affitto da pagare, costretta a richiedere il contributo ” Reddito di Cittadinanza “. Detto questo, che forse non interessa, vorrei chiedere al compimento dei 67 anni posso fare richiesta pensionistica e sperare che quei, anche se pochi anni contributivi, vadano a compensare un pò  quella che è la quota irrisoria, per non dire da fame, di una pensione sociale??

Ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione che mi vorrete concordare, porgo distinti saluti.

Per avere la pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi maturati, ma come anticipato in apertura è possibile accedere al pensionamento anche con meno di 20 anni di contributi se si rispettano determinati requisiti. Non so se è il suo caso, ma le illustro a chi è possibile ricevere la pensione a 67 con meno di 20 anni di contributi.

E’ possibile accedere alla pensione di vecchiaia a 67 anni con almeno 15 anni di contributi se questi sono stati versati tutti prima del 31 dicembre 1992. Lei afferma che i contributi sono stati versati in passato, se sono precedenti al 1993, tutti, può accedere alla pensione non appena compie i 67 anni (e presentare domanda di pensione 3/4 mesi prima del compimento degli anni).


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

E’ possibile accedere alla pensione con almeno 15 anni di contributi se è stata richiesta l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari (anche senza averli mai versati) prima del 31 dicembre 1992.

Infine, la pensione con almeno 15 anni di contributi è concessa a chi possiede un’anzianità contributiva di almeno 25 anni (primo contributo versato almeno 25 anni prima di accedere alla pensione) ed ha almeno 10 anni di contributi che non raggiungono le 52 settimane annue (carriere discontinue e spezzettate).

Se rientra in uno di questi casi può presentare domanda di pensione prima di novembre, in caso contrario, purtroppo, non le spetta alcuna pensione se non l’assegno sociale.